Passa ai contenuti principali

IL PERTUGIO NO! IO NON CE L'HO!

(Titolo volutamente in maiuscolo a indicare il volume alto delle mie rimostranze)
Ma si può, dico io, si può rovinare una intensa scena di sesso con una parola? Che cavolo! Perché devo fare sempre la parte della cattiva? Non dirò di quale libro si tratta, è osannato da più parti, ma... e va be', vorrà dire che sono antipatica, invidiosa di cotanta bravura, ignorante sull'argomento, ma non posso non urlare il mio sdegno.
Ci sono delle cose che in un libro mi interrompono la lettura e l'immedesimazione. Adoro le scene passionali, non le possono sciupare con una parola che evoca in me immagini demolitrici.
"Omissis...Poi scivolò giù fino al pertugio, stuzzicandolo senza pietà"
Qui siamo al livello degli "miagolii" e "gorgoglii" più volte utilizzati in un libro di Lora Leigh. Adoro la Lora, ma certo che, a volte, la traducono molto male!
Ritorniamo al "pertugio", ho capito che il significato è quello, però...

"pertugio ‹per·tù·gio› (arc. e region. pertuso) s.m. (pl. -gi)
~ Stretta apertura naturale o artificiale: Breve pertugio dentro dalla muda... M’avea mostrato... Più lune già (Dante) │ Pertugio beante, nelle regioni carsiche, spaccatura del suolo entro la quale si smaltiscono le acque scorrenti in superficie. • DIM. lett. pertugétto"

(definizione presa dal Devoto-Oli di cui ho l'abbonamento, per specificare) e allora, perché non hai adoperato "pertugio beante" che rendeva meglio l'idea? Son sarcastica neehh!Non ci provare a utilizzarlo! (Non sono impazzita, mi sto rivolgendo al traduttore, un maschio, se vuol dir qualcosa).

"Omissis... Si sollevò su di lei, il c...o che premeva contro il piccolo pertugio."

Ora, hai utilizzato i termini più crudi per definire il "coso" e la "cosa" e non puoi trovare un termine per il "cosino"????
A me pare che nella lingua italiana vi siano abbastanza sinonimi di cui avvalersi:

"Sinonimi
s.m. buco, foro, fessura, crepa, fenditura, spiraglio, occhiello, orifizio
• budello, cunicolo"

Certo sarebbe meglio lasciar perdere "crepa", "spiraglio", "occhiello", "budello" e "cunicolo", ma, a mio avviso, "fessura" andrebbe più che bene.

"fessura ‹fes·sù·ra› s.f.  
1 Spaccatura o fenditura (spec. in quanto interrompe la continuità di una superficie) ║ Nell’alpinismo, breve incrinatura verticale su una parete di roccia, insufficiente al passaggio di una persona.
2 In anatomia, apertura stretta e allungata, congenita o acquisita │ Fessura facciale, labbro leporino ║ Ulcerazione serpiginosa e superficiale: f. anale. • DIM. non com. fessurèlla, fessurétta, fessurìna, fessurìno m.
Sinonimi
s.f. spaccatura, fenditura, frattura, apertura, taglio
• incrinatura, crepa, spiraglio, pertugio, interstizio
• screpolatura"

E, se vuoi impiegare altri sinonimi di "fessura", penso che "apertura" faccia al caso nostro.
Oltretutto, quel "pertugio", lo ha usato varie volte, pure per un varco tra il fogliame di una fila di alberi (mi pare ci sia anche un errore di PDV, tanto per gradire) e io mi sono immaginata una "cosa" pure lì!
Sorvolo su varie urla "angoscianti", "selvagge" e "tormentose", sembrava che si torturassero a vicenda, invece che fare sesso, ma, poi, se penso che il poveretto si infilava in un pertugio, immagino la sofferenza...

O.K. mi sono sfogata, il libro, comunque, è bello, non indimenticabile, ma molto godibile, la storia ben costruita, e perciò da leggere. Ma i traduttori un po' di attenzione potrebbero impiegarla?
Infine, ritornando al titolo di questo post, la mia "cosa" ha una fessura, un'apertura e non un pertugio!

Lullibi

Commenti

  1. Il dramma del cercare i sinonimi per parti anatomiche che o hanno definizioni oscene o le hanno ridicole! E non è che in inglese siano meglio... Se il pertugio è troppo angusto - bè, poi dipende dalle possibilità del 'cosino'- si potrebbe usare la metafora del 'golfo mistico'... dà un po' l'idea di eccessiva ampiezza, è vero, ma ci suonano la musica degli angeli...
    Roberta Ciuffi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Roberta, per un attimo ho avuto nostalgia della grotta stillante...

      Elimina
    2. Lucia non evocare immagini oscene O_O

      Roberta, tu che hai esperienza nel campo, un traduttore preferisce attenersi a una traduzione letterale per certi termini (diretti o specifici)?

      Elimina
    3. Libera, io traduco romance storici e non mi è mai capitato un termine troppo esplicito. Il problema è che l'inglese non vede le ripetizioni, per cui se tu povero traduttore italiano trovi venti volte lo stesso termine, ti devi scervellare se no la lettrice italiana si lamenta della scarsa fantasia del traduttore stesso... e magari per disperazione ti scappa un pertugio! Con il consenso della CE, se trovassi un termine esplicito immagino che lo userei. Non mi metterei di mia volontà a edulcorare i testi di altre autrici o autori. Roberta Ciuffi

      Elimina
    4. Il problema del libro in questione è che "pertugio" l'ha usato sempre, troppo, mai un sinonimo! Capisco il problema delle ripetizioni, che vediamo solo noi italiane, ma io mi chiedevo, erotici a parte, se il termine usato dall'autrice anglofona è arcaico, desueto o cacofonico (tradotto letteralmente), il/la traduttore/ice tende a interpretare con sinonimi vari, o lascia il termine specifico?

      Elimina
    5. Per quanto mi riguarda, uso i termini che risultino meno fastidiosi all'orecchio - per così dire - del lettore. A volte essere troppo letterali nella traduzione non significa fare un favore all'autore. "Il lettore dovrebbe poter leggere un testo scritto in un italiano parlato correntemente dai nativi e non in uno che rispecchia le costruzioni sintattiche e grammaticali della lingua fonte": Da Il vademecum del traduttore, Di Gregorio.

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Ooohhhh viva Iddio! Allora un po' di margine c'è!
      Roberta, grazie della spiegazione.

      Elimina
  2. Quando si tratta della Lora (non fra le mie favorite), è meglio specificare con chiarezza di quale pertugio si parla.
    Non so se ho reso l'idea.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Viviana, forse il termine pertugio per la Lora sarebbe adatto... comunque non si tratta di uno dei suoi libri ;)

      Elimina
    2. Se fosse stata la Lora forse non ci sarebbero neanche stati dubbi sul significato di pertugio :-P

      Elimina
  3. ahahha;)
    non ce la posso fare! pero', il commento di Roberta mi ha fatto pensare...poveri traduttori!
    p.s. lullibi, metti anche la frase del varco del fogliame? sono curiosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uffa che pizza! Leggitelo no?
      "Una fitta fila di alberi nascondeva la vista della enorme casa. C'era un solo pertugio nel folto fogliame, da dove la macchina sembrava scomparire all'interno del bosco e riapparire dall'altra parte di fronte a una vista ingannevolmente idilliaca"

      Elimina
    2. Ecco un perfetto esempio di quanto il termine piaccia al traduttore!!!

      Da cui la mia curiosità di capire se è stata una traduzione letterale o una scelta specifica e volontaria!

      Elimina
  4. Debbo dare ragione alla lullibi, quel "pertugio" ha rovinato una bella lettura!!!

    RispondiElimina
  5. Hahahahaha, esilaranteeeee!!! Del resto, dalle mie parti si dice che "ogni buco è pertugio...."
    :) :) :) :) :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma, ma...ma allora il traduttore e' toscano, quindi pertugio ce sta!

      Elimina
  6. Hahaha, sisì, dev'essere toscano, non volevo dirvelo ma sono io sotto mentite spoglie! :D

    RispondiElimina
  7. Stupendo questo post..quanto ho riso. E mi sono ricordata di quando in una città passai per via di malpertuso ,una location ideale per certi libri!

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…