Passa ai contenuti principali

A lezione dalla Proffa Masella

Consigli di scrittura a cura di Masella Maria


    Identikit di LUI, il Protagonista




E’ cosa nota e universalmente riconosciuta che… se LUI non attizza, nessuna darà le cinque stellette al mio romance.

Allora devo trovarmi un prot maiuscolo, alpha, superlativo.

Lavoro che richiede metodo, concentrazione, tempo e anche un po’ di… chiamiamola fortuna! In pratica come trovare il vestito adatto per quell’occasione speciale.

Fase prima: aprire l’armadio e controllare cosa ho già (a chi non è capitato di acquistare doppioni? Alzare la mano in caso affermativo. Come prevedevo, quasi tutte ci siete cascate!)

Le ho fatti alti, bruni, qualche castano; occhi scuri, verdi (uno).

Cambiare, cambiare! Bassino è escluso, non piacerebbe e non potrebbe dominare la scena dall’alto (requisito essenziale). Biondo! Ma nei romance ce ne sono tanti! Occhi? Blu, oro, argento, ghiaccio… Viola no, pare che siano appannaggio delle prot femmine, ma a questo problema penserò quando dovrò occuparmi di LEI. A conti fatti i miei occhi scuri sono quasi una rarità.


Fase seconda: come dovrà essere il mio

vestituccio, anzi il mio prot ?

Perfetto, perfettissimo, diciamo il David in carne ossa muscoli e tutto il resto? Ancora qualche anno fa il problema non si poneva, al massimo uno sfregio, ma ben composto, e qualche cicatrice che la prot scopriva in itinere. Ora ci si lancia un po’ di più, ma nonostante tutto deve essere chiaro che lui resta bellissimo anche se ha subito orrende torture. Neppure il carattere ne ha risentito, sarà diventato un pochettino introverso, ma niente che un dolce amore non sani.

Ecco, è a questo punto che l’esperienza di donna non mi aiuta più: tutti i miei maschi diventano irritabili e fastidiosi anche per un raffreddore, non parliamo se si sbucciano un ginocchio giocando a calcetto con gli amici. (Nota: forse sono sfigata? No, ho chiesto ad amiche sincere e condividono la diagnosi) E allora che subentri l’esperienza della scrittrice per rendere credibile, almeno per 350 cartelle, un uomo un po’ rovinato e contemporaneamente affascinante.

E non del tutto fuori di testa.

I fuori di testa nei romance non piacciono, come prot sia chiaro! Come secondari o antagonisti sono manna dal cielo. Nei noir sì, ma è altra faccenda.

Riassumo (lo so, ho il vizio di divagare):

1)Affascinante.

1bis)Sano: sono ammesse ferite, anche gravissime, riportate in battaglia (al top per difendere LEI o i suoi possedimenti) o compiendo qualche astrusa missione (da non dettagliare troppo, intanto le lettrici saltano i paragrafi senza amore), sono accettate anche febbri contratte in luoghi esotici (deve guarire!). Vietati: mal di denti, raffreddori, problemi intestinali… Sapendola gestire MOLTO bene è accettata una temporanea impotenza dovuta a traumi (che però si spicci a guarire tornando splendido splendente!)

2)Determinato ma dolce con lei (non da subito ma l’addolcimento deve avvenire)

3)Audace ma intelligente: non deve solo menar le mani ma usare anche la testa. Ma guai, guai a farne un intellettuale! Sanno di polvere e di muffito… Se è uno studioso deve però stare molto all’aria aperta acquistando un bel colorito sano oppure impegnarsi in simulazioni di battaglie (muscoli scattanti!).

4)Ricco? Non guasta ma non è essenziale, però niente stipendio da impiegato statale. Meglio povero! Intanto nei romance mangiare dormire vestire viaggiare è quasi sempre gratis (soprattutto in quelli storici, per motivi tecnici: è difficilissimo documentarsi in modo esauriente su certe faccende pratiche e quindi si glissa).

5)Nobile? Non guasta. Obbligatoria la nobiltà d’animo (spesso celata all’inizio).

5bis) A proposito di nobiltà d’animo, parliamo di vizi e virtù. Vizi da escludere: avarizia, accidia, invidia, gola. Accettati: lussuria (ma appena incontra LEI, sarà LEI l’unico obiettivo), superbia, ira (motivata!).

Virtù: riassumiamo in una frase. “La ama”, punto e stop. 

6)Virile. Questo è il mistero. Escludiamo la possibilità di comunicare le misure, corredate dall’errore relativo (quindi un lavoro ben fatto) perché già indicarle sarebbe problematico: dove? Nel prologo così le lettrici sanno cosa le aspetta? Usare il sistema metrico decimale? E quando non c’era e si misurava a spanne o a pollici? O pollicini? Il sistema migliore è la gran meraviglia di lei, ma presuppone che la fanciulla abbia già una discreta esperienza in materia. Non sarà quindi questione di misure, ma di abilità e di esperienza. Tutti, ma tutti, i prot devono aver avuto storie di sesso che li hanno addestrati. Ma fra le braccia di LEI scopriranno qualcosa di nuovo: l’amore. Scusate l’Amore. Mentre gli uomini, dopo, hanno una tendenza spiccata ad addormentarsi. Oppure devono andar via (partita, moglie, lavoro).

Fase terza: andare per shopping, incrociando le dita.



E qui vi lascio perché devo andar per shopping ovvero il nuovo romance chiama e i tempi di consegna sono stretti!

Maria Masella

Volete leggere le altri lezioni della Proffa Masella? Basta un click:  LINK 




Commenti

  1. Aaaaaaaaaaaaaahhhhh Profa, ma noi lettrici siamo così prevedibili? E sì, almeno io, visto che i requisiti li preferisco tutti!

    RispondiElimina
  2. Ahahahahahahah. Spassosissimo. Ed è vero. Anche io il prot lo voglio così.
    E mio marito fa lo splendido finchè non gli fa male un unghia, dopodichè diventa un malato terminale.

    RispondiElimina
  3. Com'è amara la verità.... Perché, più che il ritratto di un protagonista/tipo, questo è il sunto di ciò che si aspetta la lettrice/ tipo! Eccoci ridotte a mere statistiche.... Non c'è che dire, la Proffa Masella ci conosce bene! Diciamoci la verità, chi comprerebbe un libro imperniato su un Lui piccolo, grasso, stempiato, poco virile e senza esperienza? Questo post è verità sacrosanta, altro che! Ah, Proffa, hai dimenticato il capitolo invalidità temporanea da malattia non riguardante la virilità: se malattia ha da essere, risolvibile con una bella operazione, non può essere una banale appendicite, ma deve essere quantomeno una ferita da colpo di spada, oppure una pallottola vicinissima al cuore, quasi inoperabile, a cui deve provvedere il comprimario, anche lui tormentato ma versatissimo nella sua specialità....
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

CIO' CHE CERCO IN UN UOMO... E CHE NON TROVERO' MAI!

"se voi foste stata promessa a me, solamente se fossi diventato cieco, sordo o completamente folle, vi avrei lasciato per un'altra e meno che mai per una donna come vostra sorella" S ono caduta in un gorgo e non ne esco più, mi sono innamorata… Irretita da una commistione letale (almeno per me) che ha generato un sisma nelle mie emozioni: un personaggio immaginario, un interprete defunto e una voce suadente. Ho rivisto dopo venti anni “Cuore Selvaggio”, telenovela che, all’epoca, non avevo apprezzato, causa eventi assai spiacevoli nella mia vita. Non lo avessi mai fatto! Non riesco a smettere di guardarla a ripetizione, come se fossi drogata. E il motivo è solamente uno... JUAN DEL DIABLO, AMORE MIO L’archetipo dell’uomo perfetto, perseguitato dalla sorte e, soprattutto, dalle persone. Ostinato, coraggioso, impetuoso, tenace, volitivo, passionale, romantico, fedele e (non ce lo dimentichiamo) bello, che più bello non si può! Il mio protagonista DOC,