Passa ai contenuti principali

Un amore di inizio secolo - La traversata di Viviana Giorgi


Ultimamente si sta diffondendo, tra le autrici di serie e saghe, la moda di pubblicare racconti, più o meno corti, di intermezzo tra le varie uscite di libri. E debbo dire che io l’apprezzo molto, aiutano la lettrice a spezzare l’attesa, ricordare i personaggi e riallacciare le fila del discorso.Viviana Giorgi ci presenta così i due protagonisti del prossimo romanzo storico.


Primo gennaio 1900. L’Oceanic II, il più moderno e lussuoso transatlantico del mondo, salpa da New York alla volta di Liverpool. È un piccolo mondo galleggiante dove, tra burrasche, feste in maschera e fiabe che ritornano, tutto può accadere. Anche di incontrare il vero amore. Chissà se accadrà a Ken Benton, ambito scapolo di New York in viaggio verso il Vecchio Continente per dimenticare una storia finita male. O a Priscilla Talbott, la misteriosa bibliotecaria di bordo che si esprime come una lady e di cui nessuno conosce il passato. Ma il nuovo secolo in fondo è appena cominciato, e la parola speranza è sulla bocca di tutti.
Il romanzo breve Un amore di inizio secolo – La traversata inizia dove Un amore di fine secolo terminava ed è dedicato a Ken Benton, uno dei protagonisti più amati dalle lettrici del precedente capitolo. Ma attenzione: la storia di Ken comincia sull’Oceanic, ma non è sull’Atlantico che si concluderà. Poi non dite che non ve l’avevamo detto…
L’ebook è in vendita online su Bookrepublic, Amazon, Kobo, Apple e su tutti gli altri store.


Ma dov’eravamo rimasti?
Camille Brontee aveva scelto tra Frank Raleigh e Ken Benton, i due suoi corteggiatori, abbandonando il secondo, pur essendo fidanzata con lui, per raggiungere l’editore del suo cuore.
Un uomo, giovane e ricco, ma innamorato e deluso, come farà per strapparsi dal cuore la donna che l’ha lasciato e ferito?
Ken Benton, come prima decisione del nuovo secolo e del post-Camille, s’imbarca sull’Oceanic e parte per l’Inghilterra.

La sedicente Priscilla Talbott invece la incontriamo per la prima volta in questo racconto. Chi sia davvero e quali siano state le sue (dis)avventure ci viene svelato a poco a poco, ma la donna resta un mistero per gli altri personaggi e soprattutto per Ken. Sarà per lui la cura giusta?

Due protagonisti interessanti, un segreto che intriga personaggi e lettore, qualche pettegola che non manca mai, il calore sentimentale di una biblioteca, l’atmosfera romantica di un viaggio in nave… tanti elementi per questo racconto molto ricco di emozioni e scene divertenti.
Due personaggi in fuga, lei cerca di ritornare alla casa paterna, col timore però di non esserne accolta, dopo un matrimonio disastroso. Lui in cerca di riscatto, dopo una grossa delusione d’amore, vuole riversare le proprie energie nel lavoro, conquistando la vecchia Inghilterra col denaro Yankee.
Viviana riesce a pennellare in poche pagine una vera storia… che purtroppo non posso definire romance a causa del finale, che non vi svelo perché dovete leggere il racconto!
Però posso dire che, alla luce di questa interessante premessa, il prossimo romanzo di questa serie ambientata nel primo Novecento, sarà ricco di azione e sentimenti, oltre che tante risate. Perché due personaggi con un tale potenziale e tanti misteri da risolvere non potranno mai essere meno che brillanti.

Commenti

  1. Grazie June Ross e grazie Libera per questa recensione al mio romanzo breve Un amore di inizio secolo - La Traversata. L'ho iniziato a scrivere principalmente perché, lo ammetto, avevo una voglia pazza di far incontrare il mio adorato Ken con la donna della sua vita. Mi piaceva l'idea di farli conoscere durante una traversata oceanica e non volevo che la cosa si concludesse in un paio di capitoli (come sarebbe stato probabilmente all'interno di un unico romanzo). Il primo incontro è il primo incontro, andava trattato con il dovuto rispetto.
    Se poi, mi sono detta, questo episodio 0,5 (come lo definiscono le americane) riaccenderà l'interesse sulla serie, meglio ancora.

    La storia di Ken e Priscilla continuerà dunque in un prossimo romanzo che incomincerò a scrivere non appena i protagonisti del contemporaneo a cui sto lavorando troveranno il loro lieto fine. Mannaggia a loro, potrebbero decidersi, no?

    Non sarà un'impresa facile scrivere Un amore di inizio secolo 2:
    1) perché, comunque sia, lo storico è difficile da scrivere (per le ricerche necessarie e per il tipo di linguaggio da usare);
    2) perché voglio per Ken e Priscilla un finale davvero coi botti, e non dico di più. Inoltre, se non sarà all'altezza delle attese delle molte lettrici che me lo hanno chiesto (facendomi un grandissimo complimento), penso che mi troverò davanti a una piccola insurrezione popolare, o forse a un plotone di esecuzione simbolico. Meglio di no.
    Auguratemi buona fortuna, quindi, che ne avrò bisogno.

    Ancora un grazie e un abbraccio a voi, alle altre bloggerine e alle lettrici del blog.
    Con affetto
    Viviana

    RispondiElimina
  2. Povero Ken, il finale col botto è proprio quello che ci vuole per lui; Viviana si conferma una delle penne più feconde e apprezzabili tra le rose nostre, ma io sono di parte, mi conquistò col gatto rosso e non l'ho più lasciata.... <3
    Lucilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucilla.
      Oggi mi fate sentire tutte molto amata.
      Ciao! <3

      Elimina
  3. Ricambio volentieri il saluto, un abbraccio.
    Lucilla

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…