Passa ai contenuti principali

L' amore e' cieco....ma le lettrici no!

 Direttamente dalla scrivania di JuneRoss

Quando finisci di leggere un Romance e gestisci un blog, il tuo primo pensiero non dovrebbe essere:
"adesso scrivo un post e lo distruggo!
No, non va per niente bene! Insomma, siamo adulte, consenzienti, nessuno ci ha obbligato a leggere il libro in questione.
 E infatti, passiamo sopra al fatto  che magari abbiamo dovuto chiudere il libro a qualche decina di pagine dalla fine, che altrimenti ci si cariavano i canini per le sdolcinerie improbabili; passiamo sopra anche al fatto che a parte una data riportata 1808, di storico questo libro non ha proprio nulla, a meno che non dobbiamo dare per certo che una signorina poteva entrare in un negozio di ottica e comprare e ritirare nel giro di 10 minuti un paio di occhiali da vista,o che magari il semplice dipendente di un conte potesse aprire la bottiglia di liquore e servirsi per lui e il suo padrone.Gia' che ci siamo, sorvoliamo anche sulla diceria che una dama potesse slacciarsi da sola il corpetto.


Tutte cose che sappiamo gia', detto e ridetto. Ma, e la domanda permettetemi mi sembra coerente, perche' le autrici che apprezziamo, che ci facevano sorridere con i loro dialoghi, con le loro storie fuori dagli schemi, non sono cresciute con noi? Se un libro cosi sdolcinato e storicamente "scorretto" sarebbe andato bene all'inizio della nostra carriera di lettrice romance,quando eravamo delle romantiche credulone, ora non puo' farci che digrignare i denti.
Ma forse, ma forse, un attimo che controllo quando e' stato scritto...Va bene ritratto tutto. Non e' colpa dell'autrice che ha scritto il suo libro nel lontano 2006. 
Cara Mondadori sono passati ben 9 anni....non e' che la povera scrittrice non sia cresciuta professionalmente,e' che forse a te e' sfuggito che anche le tue lettrici sono "cresciute"!

P.s. Eccovi il romanzo in quesione.
Sono curiosa anche di sentire le opinioni di chi invece lo ha apprezzato, malgrado tutto :)

Juneross 




Commenti

  1. Sono abituata a pensare alla Sands come ad una autrice ironica e con protagonisti immersi in dialoghi scoppiettanti, un titolo per tutti La Chiave. In questo libro non ho ritrovato nulla dell'autrice che conoscevo e, scusa Ross, non credo dipenda dal fatto che abbia scritto il libro nel lontano 2006, perchè La chiave l'aveva scritto nel 1999 ed era, ed è, scorrevole e divertente con due protagonisti che facevano faville.
    Qui i due personaggi mancano di mordente e anche la storia, incongruenze a parte, sembra abbastanza affaticata. Per quello che mi riguarda, decisamente un libro non riuscito.
    Antonella Tonon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao anto!
      sono d'accordo, ho apprezzato molto la chiave, ecco perche' ho letto questo, pero' se non sbaglio anche altri titoli da lei scritti e pubblicati in italia non sono motlto riusciti....comunque, ridicola come storia...sob!

      Elimina
  2. Credo anch'io che non si tratti di cecità congenita, ma di semplice miopia.... Da parte della Mondadori! Che butta fuori di tutto, confidando che le lettrici abbiano almeno le cateratte! Eh, no, carissimi responsabili Mondadori, non è che siccome un libro proviene da un'attrice di successo debba essere un altro successo..... Si tratta semplicemente di un romanzo mal riuscito, purtroppo.
    Lucilla

    RispondiElimina
  3. Cataratte! Accidenti alla correzione automatica....
    Lucilla

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

CIO' CHE CERCO IN UN UOMO... E CHE NON TROVERO' MAI!

"se voi foste stata promessa a me, solamente se fossi diventato cieco, sordo o completamente folle, vi avrei lasciato per un'altra e meno che mai per una donna come vostra sorella" S ono caduta in un gorgo e non ne esco più, mi sono innamorata… Irretita da una commistione letale (almeno per me) che ha generato un sisma nelle mie emozioni: un personaggio immaginario, un interprete defunto e una voce suadente. Ho rivisto dopo venti anni “Cuore Selvaggio”, telenovela che, all’epoca, non avevo apprezzato, causa eventi assai spiacevoli nella mia vita. Non lo avessi mai fatto! Non riesco a smettere di guardarla a ripetizione, come se fossi drogata. E il motivo è solamente uno... JUAN DEL DIABLO, AMORE MIO L’archetipo dell’uomo perfetto, perseguitato dalla sorte e, soprattutto, dalle persone. Ostinato, coraggioso, impetuoso, tenace, volitivo, passionale, romantico, fedele e (non ce lo dimentichiamo) bello, che più bello non si può! Il mio protagonista DOC,