Passa ai contenuti principali

Spiral (#GD Team 3) di Monica Lombardi

Un nuovo capitolo della serie GD-Team di Monica Lombardi. Il terzo. Dopo le vicende iniziali in Vertigo, le avventure di Nicole e Jamie in Nicky e Free Fall, e l’emozionantissima rivelazione che ha dato uno shock alla bella signorina Xavier in Alex, in questo nuovo romanzo, Spiral, non direi che c’è un protagonista o una coppia al centro della vicenda, piuttosto una famiglia.


Spiral (#GD Team 3) di Monica Lombardi

Ariel Levy, detto Digger, ha sempre difeso la sua privacy anche dagli altri membri del Team: non è una scelta, è qualcosa che deve fare. La sua famiglia è stata smembrata, due volte, e ora Digger teme che anche quella sorella che, da bambina, teneva il suo cuore tra le mani, possa essere in pericolo. David G. Langdon rientra alla base dopo gli eventi che hanno sconvolto la vita della sua Alex. Il Team è ancora alla ricerca dell’Olandese, sospettato di essere il responsabile dell’attentato in cui anche GD ha rischiato la vita. L’uomo finora senza volto si è macchiato di un nuovo delitto, ma continua a scivolare tra le maglie della rete che il Team cerca invano di stringere attorno a lui, rimanendo nell’ombra. I misteri attorno al Team si infittiscono. Per avere risposte, GD dovrà ancora una volta cercare nel passato, nel suo passato, e trovare nel presente alleati preziosi: una donna sopravvissuta a stento ai suoi due uomini, un soldato in cerca di un modo per curare una ferita forse insanabile. Il mondo del Team è pericoloso, ma può risolvere, può sanare.


Il Team, anzi il GD-Team di Monica Lombardi può curare, sanare e rallegrare più di un cuore, cartaceo o sanguigno, perché anche i lettori si sentiranno parte di questa meravigliosa famiglia, che si allarga e si ingrandisce ogni volta un po’ di più, ma sa avvolgere i suoi membri con una fitta rete di affetto e calore.
Già la trama in quarta di copertina ci mostra la densità di questo romanzo, in ambito di sentimenti, avventure, segreti e rivelazioni. Una sinossi piena di promesse, che poi debbo dire sono tutte mantenute. 
Una lettura che sembra un film. Un film che anche nei ricordi e nei flashback riesce a mostrare l’azione viva al lettore, come se fosse lì, presente, dal vivo.
Lo stile di Monica Lombardi è perfetto per i romanzi corali, quando ogni personaggio ha il suo perché, che va al di là di uno scopo o di un compito, ma è una tessera nell'universo della storia. L’ho sempre detto che la sua maestria nel far diventare persone reali quelle che crea è davvero invidiabile. 
Come sempre il Deus ex machina è il capo David G. Langdon, ma non come un burattinaio che tira i fili e decide le singole mosse di ogni marionetta, piuttosto è un grande stratega, che sa ben usare la propria lungimiranza e assecondare l’intuito. In questo libro vediamo anche la sua controparte in azione e quello sì che è un burattinaio della peggior specie, di quelli che non esitano a tagliare i fili se il “pupo” s’incastra da qualche parte e non esegue alla lettere i suoi desideri. L’imperscrutabilità forse è la stessa: entrambi agiscono in un modo che solo loro sanno dove porterà, ma i metodi e gli strumenti sono decisamente diversi.
È il romanzo degli affetti familiari, della tenerezza, ma anche del calore e della passione.
C’è un inaspettato eroe romantico, di certo non sdolcinato, ma di quelli che indovinano l’attimo… almeno per l’azione.
Collegare bocca, cervello e cuore è un’altra cosa!
L’unico punto che mi è rimasto oscuro è il confronto tra Buck e Xavier. Non ho ben compreso i pensieri del team-leader, né in cosa l’abbia esattamente sorpreso il ragazzo. La scena mi ha dato l'impressione che volesse essere preparatoria per qualcosa... in futuro. Mentre è stato davvero divertente vedere quanto Jet abbia compreso il fratello di Alex e soprattutto leggerne il consiglio spassionato su donne e sentimenti.
Come sempre leggo con la lente d’ingrandimento e ho pescato due errori nella forma… che sfido chiunque a trovare :D la rompiscatole D.O.P. sono solo io!
Il lieto fine c’è ma anche l’apertura per un seguito che aspetterò con ansia, come sempre!
Pssssssssss ma secondo voi la donna in copertina chi identifica???????


Commenti

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…