Passa ai contenuti principali

Le ragioni del cuore di Maria Masella




Le ragioni del cuore di Maria Masella
Leggereditore
Prezzo ebook: € 4,99

“1853. Era sera, una limpida e fredda sera di novembre. Ma l’uomo sembrava non accorgersi della tramontana che, preso d’infilata il vicolo – il carrugiu, come lo chiamavano a Genova –, sembrava un muro compatto contro i nuovi arrivati. La lunga giacca da marinaio sbottonata sulla camicia senza colletto non era la tenuta più adatta per una giornata simile, ma lui sembrava non accorgersene. Camminava veloce, incurante delle occhiate delle donne, con la sua sacca buttata di traverso sulla spalla.”


L’uomo solitario che si addentra tra i caruggi è Bruno Damiani, condannato in contumacia, tornato clandestinamente in Italia per scovare l’assassino di una giovane donna a lui molto cara. Fingendosi un semplice operaio, troverà lavoro in un cantiere navale della Riviera di Levante, dove rimarrà folgorato da Nora, la nipote del vecchio proprietario. I due giovani saranno travolti dall’amore, ma nubi oscure s’innalzano all’orizzonte, e graveranno sulla loro relazione...

Dio che meraviglia! Bello bello bello. Vi avviso che questa recensione (che parola grossa) sarà scritta di pancia, ancora immersa nelle brume della trama. Letto d’un fiato, mi sono innamorata da subito dello stile e dei personaggi. 


Prima di addentrarci nel merito della storia e dei personaggi devo contestare per una forte nausea da mal di mare!


Mal di mare? E perché? Forse perché il mare è molto presente nel romanzo?
No, per niente. Piuttosto quando apro un libro mi aspetto di rilassarmi in poltrona, non seguire una partita di tennis.


Sei sicura di stare bene? Mal di mare… partita di tennis, mi sembra tu stia delirando per la febbre, va be’, dunque dove ero rimasta? 
Non so se riuscirò a spiegare come mi sono sentita dall'inizio alla fine del romanzo, senza mai staccare, senza uscire dalla storia, sempre sul personaggio. 


Sei tu che sei tanto innamorata della proffa da non realizzare più nulla. Comunque, a differenza tua, io ho dovuto fermarmi spesso, tornare su tante frasi, rileggere molti pezzi, perché il cambio continuo e veloce di punto di vista mi disorientava.


Ma che stai dicendo? Io non ho avuto nessuna difficoltà. Adoro lo stile della Masella: semplice, diretto e privo di orpelli; come i suoi personaggi taciturni, ma dei quali riesci sempre a conoscere i pensieri. Ero così concentrata nella lettura da non ricordare dove mi trovassi e che ora fosse, vedevo scorrere tutto come in uno sceneggiato, immaginavo ambienti protagonisti e comparse, ero in loro, avvinta dallo stile essenziale della Profa (io preferisco chiamarla così!) che rivela il suo lato genovese. E devo farle i complimenti per la sensualità che ho percepito nella scena della prima volta tra Nora e Bruno, niente di esplicito, eppure mi sono venuti i bollori! Veramente in tutte le scene passionali tra loro si coglie la sensualità, Masella birichina... 


I personaggi sono piaciuti anche a me, e anche l’atmosfera da sceneggiato patriottico, o le strade di Genova, il profumo del mare. Se non avessi dovuto leggere a tratti mi sarei divertita molto di più, ma il risultato finale mi ha comunque emozionato.


Uff… Li ho adorati tutti, sia i protagonisti, meravigliosi, che i comprimari, principali e non: il nonno Cesare Magni, lungimirante e tenero, e il popolo di Chiavari, gli operai e le donne del cantiere nautico, il Bacci in special modo, con il suo gesto distintivo, il portarsi le nocche alla fronte per salutare o assentire.


E che dire di Ravano, amico e rivale. Ho persino apprezzato la caratterizzazione della sciocchina e del cattivo. Perfino Remo, che non compare mai in prima persona, ha una sua peculiarità e importanza.


E Nora, la protagonista, tratteggiata in maniera mirabile, una diciottenne ancora ingenua e sognatrice all’inizio della storia, ma di cui riusciamo a scorgere la scorza tenace, che le permetterà di superare le difficoltà poste sulla sua strada  dalla Masella, da perfida scrittrice qual è. Una giovane donna che, a un certo punto, si trova a dover dirigere un’impresa, circostanza non rara soprattutto in tempi di guerra (non dimentichiamoci che il periodo storico è quello dei moti di Indipendenza, di Mazzini e di Garibaldi, precisamente nel Regno di Sardegna nell’anno 1853).

I romanzi ambientati in Italia, soprattutto se parlano anche della classe lavoratrice e non solo di nobili snob e sfaccendati sanno farmi sognare, ma sogni concreti, perché questi uomini e queste donne meravigliosi erano qui fino a pochi anni fa… nascendo qualche annetto prima avrei potuto conoscerli. Anche se adoro vivere con il progresso e l’igiene contemporanea, certi valori in termini di onestà e coraggio mi affascinano.


Credo di poter dire che “Le ragioni del cuore” sia il romanzo che preferisco tra i romance della Masella, e pensare che mi era sfuggito nel 2002 quando fu pubblicato dalla Mondadori Edicola, ma all’epoca non leggevo le italiane, le ho scoperte solamente nel 2011 alla prima edizione fiorentina de La Vie en Rose.
Insomma, il succo della storia è che VOGLIO un Bruno Marras nella mia vita: concreto, forte e roccioso, oltre che bello, non dimentichiamocelo! 


Eh... su questo non posso che concordare! Anche se alla mia veneranda età mi accontenterei di un Mr Hamilton.


Vuoi dire che, vista la mia età, dovrei accontentarmi del nonno Magni???
A parte che non lo vedrei come un pugno in un occhio, io mi ero solo identificata con la mia coetanea, Lady Follett (a proposito grazie Marri per il bel personaggio con questo nome). Comunque tu hai la coda di paglia. 




Commenti

  1. Grazie! la pallina (pallona) da tennis ringrazia sentitamente.

    RispondiElimina
  2. Maremma rimembrosa, era sfuggito anche a me questo romanzo... Chiedo venia alla Proffa e mi cospargo il capo di cenere, dopodichè andrò a caccia del libro! Voglio proprio vederlo, sto Bruno... No, volevo dire la pallina, ovviamente....
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…