Passa ai contenuti principali

Sotto il grande cielo ...

...di Judith Ivory!

Attenzioni possibili spoiler.

Direttamente dalla scrivania di Eleonora:



Trama:
Lydia Bedford-Browne, figlia dell’influente visconte Wendt, a causa dell’incidente occorso alla diligenza su cui stava viaggiando, si ritrova sola nella brughiera con Sam Cody, un aitante cow-boy. dopo l’inevitabile ritrosia iniziale, i due scoprono insieme l’attrazione e la passione. Il ritorno a Londra mette fine all’idillio, fino al giorno in cui, in visita al padre di Lydia, arriva l’ambasciatore americano





Questo è uno dei tipici casi in cui non capisco in base a quale criterio vengono conferiti titoli e onori.

Ma iniziamo dal principio… la trama è molto originale e stuzzicante, per certi versi mi ricordava “il compagno di viaggio” della putney che mi è piaciuto tantissimo, e così l’ho comprato con un’ottima predisposizione…

Il romanzo è diviso in due parti: nella prima c’è la conoscenza che devo dire, a tratti, si presenta, divertente e piacevole; nella seconda c’è un po’ l’evolversi della storia fino all’epilogo finale.
Ora direi che la prima parte è graziosa, niente di fantastico s’intende, ma sicuramente piacevole: lei è una ragazza non bellissima, malaticcia e iperprotetta; lui è un uomo che sa fare tutto, che intriga e che ha una strana concezione di sé e di ciò che gli altri pensano di lui.
Nasce una passione che non è né troppo spinta, né troppo leggera, ma comunque non “imbarazzante”.

Già dalla fine della prima parte e nel proseguio ovviamente, cambiano un po’ le personalità: lei si mostra viziata, snob e per certi versi stupida per i suoi ragionamenti contorti!

Lui da grande macho, cowboy della brugheria, diventa un succube completo di questa donnina (che per me manco lo merita!), e inoltre diventa pure una specie di complessato incredibile: la sua suscettibilità viene facilmente urtata e si fa tutte elucubrazioni personali e infondate!
Insomma, una vera delusione, uno di quei libri che quando finiscono ti fanno pensare “ma cosa pensava l’autrice quando lo ha scritto?! Ma veramente è tutto qui?!”.
Forse sono stata cattivella, ma quando leggo un libro spero di trovare emozioni e coinvolgimenti; mentre, qui ho trovato solo un racconto che lascia l’amaro in bocca.



Eleonora


Commenti

  1. Eleonora che confusione! Volevo prendere questo romanzo perchè avevo letto solo opinioni positive, poi arrivi tu^-^.
    Informandovi che il west non è un periodo che mi attira, confesso che mi piace trovare opinioni contrastanti. Leggere i diversi punti di vista quindi lo prenderò così vi saprò dire!
    buona giornata
    Friederike

    RispondiElimina
  2. io l'ho letto, ma nn lo boccio completamente. Diciamo che è particolare. Anche se effettivamente nella seconda parte l'atteggiamento di lei è da secchiate d'acqua...mentre lui...bho forse non l'ho sentito così succube, ma sveglio non era di sicuro X°D.

    siccome ho letto che anche il primo della Ivory era su questo stile, mi sa che abbandono l'autrice...

    Miraphora

    RispondiElimina
  3. Bene Mira ti sei fatta un'idea!
    IO invece il primo non lo avevo proprio letto: quindi, immagina lo choc!
    Inoltre, la seconda parte è peggio di una secchiata d'acqua: cioè lei lo rivede e pensa "ma perchè non sparisce?!".
    'Na tristezza...

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Ti do ragione su tutto! Non mi è piaciuto per nulla! Mi aspettavo di meglio!!! Sara

    RispondiElimina
  5. Allora non mi ha emozionato da matti,ma non mi ha fatto schifo.
    La prima parte molto carina,la seconda accelera,i due protagonisto perdono della forza che avevano in brughiera.Lo consiglio,voto 6,ho letto di peggio.
    Germana

    RispondiElimina
  6. Cara Eleonora,
    per fortuna ho deciso di non comprarlo...

    Un forte abbraccio

    Concetta

    RispondiElimina
  7. ciao lele!
    brava! spaccali tutti!
    anche a me non è piaciuto
    pensa che all'inizio non cpaivo nemmeno se erano in inghilterra o in america!
    mah...
    bacio bacio
    lucetta

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

La vie en Rose: arrivederci alla prossima edizione!

Cosa dire di questa sesta edizione de La vie en Rose? Frizzante e  piena di energia positiva! Poi il resto dei commenti li troverete sparsi su tutta le rete, pero' magari, potreste anche lasciarli nel nostro guestbook, sempre se vi fa piacere:  http://www.lavieenroseevento.it/guestbook.htm Cosa dire, invece, della parte "tecnica" dell'evento? Facciamo un piccolo sunto a beneficio di coloro che purtroppo non sono state con noi. Dalla viva voce delle autrici, abbiamo scoperto la loro passione per la scrittura e anche delle piccole anticipazioni delle loro prossime pubblicazioni. Grazie a Marta Morazzoni, Virginia Bramati, Gabriella Giacometti ed Elisabetta Flumeri. Non abbiamo messo la foto di Virginia Bramati per rispettare la richiesta dell'autrice di non apparire nitidamente.   I saluti e le parole del Consigliere Provinciale Vera Romiti , oltre che presidente Forum Provinciale delle Donne, hanno trovato d'accordo tutte le partecipanti. Il