Passa ai contenuti principali

Fidanzati per Finta....

... Di Mary Balogh!

Direttamente dalla scrivania di Aghi:

*Possibili spoiler*






DA UNA VUOTA PROMESSA NASCE LA VERA FELICITA’

Il conte e la contessa di Clifton sono separati ormai da molti anni, quando la figlia Sophia si fidanza con quello che secondo loro non è l’uomo giusto. Decidono allora di unire le forze per salvare la ragazza da una vita infelice. Ciò che non sospettano è che Sophia ha organizzato un falso fidanzamento con lord Francis Sutton solo per farli riconciliare…



Romance insolito per trama e personaggi. È un caso, forse unico per Mary Balogh, in cui i protagonisti sono due persone mature (almeno per l’ambientazione Regency) già sposate da parecchi anni, con una figlia e separati da diverso tempo. Accanto alla coppia principale vive la propria storia d’amore anche una giovanissima e scapestrata coppia.
La storia inizia con la giovane Sophia fortemente critica nei confronti del matrimonio e dell’amore perché scottata dalla situazione dei suoi genitori che si sono separati quando lei aveva solo quattro anni. A questo punto i suoi amici le propongono un finto fidanzamento con Francis Sutton, amico d’infanzia e libertino impenitente, che possa costringere i suoi genitori a stare insieme per organizzare il matrimonio. Una volta ottenuta la riconciliazione, entrambi scioglieranno questo falso impegno.
In effetti Marcus Bryant conte di Clifton e la moglie Olivia si incontrano nuovamente dopo quattordici anni per dissuadere la figlia a fare un matrimonio affrettato e precoce, come era stato il loro, e poi, invece, finiscono per organizzarlo.
Immediatamente i due capiscono che la situazione fra loto è mutata: sono cresciuti entrambi, sono cambiati da quando erano poco più che bambini e si erano lasciati trascinare dai sentimenti. Avevano vissuto per cinque anni un matrimonio del tutto idilliaco del tutto presi l’uno dall’altra. Entrambi, però, non erano pronti a vivere il matrimonio “nella buona e nella cattiva sorte”, alla prima prova il loro legame non aveva avuto la forza di resistere. Di fronte a un tradimento Olivia, che aveva tanto idealizzato il marito, non aveva avuto la tenacia di superare la crisi e perdonare il marito.

La maturità e la vita vissuta fanno capire ad entrambi che certi giudizi netti, legati alla giovinezza, debbono essere superati e bisogna imparare ad apprezzare le sfumature.
Ho apprezzato molto questo libro per le sostanziali novità della trama, per la presenza di personaggi originali e, come nella tradizione della Balogh, molto sfaccettati. Ritengo che sia abbastanza verosimile la motivazione della fine del loro matrimonio e l’accennato rancore e amarezza che è rimasto tra i due coniugi.

Trovo, invece, poco plausibile che Olivia, da un giorno all’altro, ritorni in casa e che riprenda il suo padrone di padrona e di contessa mentre i parenti si comportano come se non fosse accaduto nulla negli ultimi quattordici anni.
Produce estrema tenerezza la sofferenza di Sophia che, fin da piccola, ha dovuto abituarsi a vivere alternativamente con i genitori, a non avere una famiglia serena alle spalle. Il suo desiderio di ricomporla la spinge al gesto disperato di fingere un fidanzamento che poi non riesce più a sciogliere ma che sfocia in un matrimonio pieno d’amore.
La giovane coppia Francis-Sophia è frizzante e scintillante e, a volte, ruba un po’ troppo la scena ai personaggi principali. L’ironia e le battute un po’ acide di Francis, apparentemente costretto a un matrimonio che non vuole, vivacizzano moltissimo il racconto.
Da leggere come un’ennesima buona prova della Balogh.

Aghi.

Commenti

  1. Beh io come sempre ho un rapporto conflittuale con la Balogh.
    Questo libro è atipico perchè malgrado sia ambientato nella solita epoca, è molto recente come tematica.
    Non è comunque, uno dei miei preferiti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…