Passa ai contenuti principali

Tutti gli uomini di ... Amanda Quick.

Rieccoci dunque, continuiamo a parlare degli altri uomini della Quick.(La prima parte e' qui: Link)

Non posso adesso non parlarvi di Marcus, conte di Masters e protagonista di “L’amante”, e di Julian, conte di Ravenwood e protagonista di “Seduzione”.
La vena supponente non li risparmia ma sebbene Masters mi abbia strappato una stentata approvazione, Julian se l’è meritata in pieno. I due sono accomunati da precedenti matrimoni fallimentari con donne bellissime (diciamo che un po’ tutti i personaggi dei libri della Quick che ho letto vantano questa caratteristica) ed entrambi palesano caratteri forti e diffidenti. Julian mi è parso quello più coerente in riferimento alle evoluzioni caratteriali, mentre Marcus mi ha affascinato con la sua lotta interiore a proposito della sedicente amante e con il suo passato da instancabile lavoratore senza titolo.

Concludo con l’ultimo personaggio che è anche il mio preferito: il carissimo Baxter, protagonista di “Charlotte”. Occhi da alchimista ma integerrimo chimico nell’animo e nella vita, Baxter è figlio illegittimo di un Lord e di una vedova di sangue blu. Occhiali appollaiati sul naso, topo di laboratorio fatto e finito, finisce però nella rete di omicidi e indagini in cui lo coinvolgono una zia e la stessa Charlotte, la sua anima gemella. Anche Baxter risulta a tratti prevaricatore, ma esso è mitigato dalla una sua sottile vena di tenerezza. Egli è un ossimoro affascinante, pacato e scialbo dall’esterno, coraggioso e forte all’interno, ferito dalla sua illegittimità e dalle spiacevoli incombenze derivategli dalle ultime parole del padre morente, risulta un personaggio molto complesso inserito in una storia entusiasmante ed avventurosa.


È pur vero, devo ammettere, che alla fin fine i rapporti tra uomo e donna nel XIX secolo non si attagliavano agli standard moderni, l’uomo dispotico era di certo un aspetto tipico di quell’epoca e, sebbene ciò mi risulti profondamente urticante, l’autrice è stata anzi storicamente più veritiera di molte altre nel delineare i compromessi e gli accomodamenti di un matrimonio e l’allora endemico stereotipo della “superiorità maschile”. Ha però mitigato il tutto creando delle eroine sì accomodanti ma anche energiche e testarde, che in un modo o nell’altro sono riuscite, nei suoi libri, a raggiungere un equilibrio coniugale bifronte sacrificando una certa percentuale di vanagloria maschile. Per cui concludo asserendo e ripetendo che Amanda Quick è una grandissima autrice ed io ho amato i suoi lavori, per la storia, gli intrecci, l’originalità e l’avventura e per il suo rendere i personaggi delle sue opere molto reali ed in quanto tali splendidamente imperfetti.

Grazie Amanda!!!









Un bacio Angy

Commenti

  1. E' vero tutto gli eroi della Quick hanno qualcosa di speciale, il suo modo di scrivere mi ha sempre emozionato. Ho una certa preferenza per i suoi romanzi storici, e uno dei miei preferiti è proprio Julian di Ravenwood anche se combatte parecchio con il protagonista del cristallo verde.
    Grazie per questo bellissimo escursus sulla Quick

    baci
    lulù

    RispondiElimina
  2. Bravissima Angy! E grandiosa amanda Quick! Chissà quando potremo rileggerla, ce ne sarebbero tanti di romanzi suoi ancora da leggere!

    RispondiElimina
  3. belli belli tutti gli uomini della quick, una grande scrittrice!!

    RispondiElimina
  4. Grazie alla quick e a te che hai fatto davvero un lavorone... ti sei meritata la "maglia gialla" per il tuo sofferto, ma appassionante, personale Tour de France!

    RispondiElimina
  5. Adoro Amanda Quick..pian pianino sto leggendo ogni uno libro.. devo dire che Seduzione mi ha colpito moltissimo!!! complimenti a Angy..

    baci baci

    RispondiElimina
  6. Sono arrivata tardi lo so ma ero isolata!!!! Mitica Angy e mitica Amanda!!!!!! Baciiii

    RispondiElimina
  7. finalmente dei post su amanda quick! io la adoro e adoro i suoi eroi, forti e autoritari, ma con dei difetti... e soprattutto innamorati di queste strane protagoniste! io non li trovo irritanti, anzi... della quick amo anche quasi tutte le eroine, che di solito trovo banali o odiose!
    comunque di tutti questi uomini della quick, un posto speciale nel mio cuore resta per Baxter di Charlotte, forse il più anomalo tra gli eroi dei romance!
    grazie angy,
    Lety

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…