L'erotico vi fa riflettere?

L'erotico è un genere particolare e che, diciamoci la verità, in genere stuzzica!
C'è chi lo snobba per pudore, chi lo snobba per partito preso,a chi non piace proprio...
Insomma, come sempre la varietà offre spunti di riflessione diversi...
Da qualche giorno ho letto un romanzo di Megan Hart e dati i dubbi che mi ha fatto sorgere, mi piacerebbe porvi delle domande...
Qui in Italia, le autrici dell'erotico, discusse e (da alcune) amate sono Megan Hart, Emma Holly, Robin Shone che appena il mese scorso ha dato adito a intensi dibattiti...(LINK)
Come vi dicevo, ho appena finito di leggere "geometrie perfette" di Megan Hart che mi è capitato tra le mani quasi per caso e a dirvi la verità, malgrado l'erotico sia un genere che di solito non leggo, in questo caso mi incuriosiva il tema...
"Geometrie perfette" presenta una situazione che è molto lontana dal romance "normale": un rapporto a tre!
Insomma, capite bene che il tema non è proprio romantico...
Le scene trasgressive ci sono per carità,ma non le ho trovate così pronunciate come mi sarei aspettata,anzi!
Il punto del romanzo che mi ha colpito molto è scoprire al suo interno una forte componente psicologica che molto spesso nei romance normali manca....
L'autrice dà profondità alla protagonista, in maniera intensa; cosa che non mi sarei mai aspettata di scoprire in questo genere.
E allora da qui nascono i miei quesiti...
E per questo, "giro" la domanda a voi...
Non è che vi stia chiedendo di dirmi se riutilizzate le scene erotiche di cui leggete (ihihihihih: anche perchè Ross mi accide!|!!)
Vorrei capire,insieme come sempre, cosa vi è capitato di pensare leggendo questi romanzi?
Nella Hart ad esempio,avete trovato,al di là degli atti erotici, profondità?
Vi ha fatto sorgere dei dubbi? Vi ha fatto ricredere sul genere?
E chi non lo ha letto, cosa pensa in realtà delle autrici che ne scrivono?
Le addita o le ignora?
Cosa vi verrebbe da chiedere alle "signore dell'erotico" se ne aveste la possibilità?!
A me di certo, verrebbe da chiedere perchè ha scelto questa fine che mi ha messo tanta tristezza?

Baci
Ele




16 commenti:

  1. Leggo poco i romanzi erotici, ma mi è capitato do leggere la Holly(che non ho apprezzato particolarmente) la Schone (che ho matao profonadamente) la hoyth(che mi è piaciuta)... insomma dal basso della mia esperienza, posso dire che per me l'importante è che ci sia profondità nella storia che viene descritta, che non ci sia sesso fine a sè stesso. Insomma non cerco la "storia d'amore tradizionale" a tutti i costi, ma sicuramnte voglio poter vivere i personaggi in tutte le loro sfaccettature!

    RispondiElimina
  2. Io sono una delle persone che ama molto il modo di scrivere della Hart. E' vero che i suoi sono libri molto passionali ma come ha detto Eleonora tratta sempre molto anche la sfera dei sentimenti e l'aspetto psicologico dei suoi protagonisti, ed è un tratto che poche scrittrici fanno.
    La Holly per esempio le studia di quelle nere (direbbe mia nonna)x trovare scene di sesso in tutte le salse pero' alla fine del libro non ti rimane quel qualcosa in piu' che invece trovi nella Hart e che la contraddistingue come scrittrice passion di serie A. Un'altra che mi piace anche se non raggiunge il livello della Hart è Shayla Black, ve la consiglio se amate le scene hot,quindi Rosas tu chiamati fuori hihihi.
    Mi dilungherei troppo sull'argomento quindi lascio il posto alle altre per ulteriori commenti

    Silvya76

    RispondiElimina
  3. ciao a tutte, ho dibattutto anch'io altre volte sul genere erotico, difendendo spesso la categoria.
    come ha fatto notare ele, ma anche silvia, e come già avevamo detto a suo tempo, molto dell'erotico è da salvare! soprattutto per le trame complesse, fuori dagli schemi e la lettura psicologica dei protagonisti che spesso manca nei romance tradizionali anche più spicy!
    ovviamente ci sono scrittrici che buttano tutto sulle scene di ginnastica, ma altre come la hart oltre al piccante - nei romanzi da me letti - dà quel senso di smarrimento che capita a tutte diciamolo sinceramente e magari porta a scelte sessuali e sentimentali un po' estreme, ma che seguono un percorso che riusciamo anche noi donne normali a capire, senza giudicare!
    un altro bellissimo romanzo erotico, storico tra l'altro che vi consiglio è Oblio e Passione della Featherstone, complesso e pieno di sentimenti, oltre che passione!
    insomma come sempre, viva la varietà e soprattutto i romanzi scritti bene, che genere siano!
    lety

    RispondiElimina
  4. Leggere questi romanzi mi piace ( anche se mi manca "Geometrie perfette" e l'autrice citata da Silvia ) perchè l'amore fisico è impresicindibile dall'amore spirituale e quindi avvertire la passione e la tensione sessuale tra i protagonisti non è nè più nè meno che un altro modo, il più bello per la sottoscritta, di dirsi "ti amo". Rispetto chi la pensa divesamente, è giusto che ognuno sogni a modo suo che e capisco che sia una di quelle cose che si amano o si detestano. E sono convinta che la lettura ( in generale non solo rosa ) sia una magnifica evasione proprio perchè la storia, come dire, viene filtrata attraverso di noi, per come ognuna di noi la percepisce o vuole percepirla e vissuta e sentita in maniera diversa a seconda di legge. Insomma diciamo che un romanzo è come un bellissimo disegno che tocca a noi colorare nel modo che più ci piace.
    In una romanzo che ho rieletto di recente, l'Angelo di nessuno della Robards, lui a un certo punto dice a lei qualcosa del genere "Per essere una campagnola sei molto più volubile di tutte le puttane che ho avuto", vi posso assicurare che per come costruisce l'autrice questa scena, per quanta ansia emotiva ci mette e per la situazione psicologica del protagonista in quel momento, c'è più amore in quella frase che in un "ti amo" sotto la luna nel solito chiosco appartato con la solita musica in sottofondo.
    L'amore è ovunque ognuno di noi lo sappia leggere.
    Un bacio a tutte e complimenti Ele!
    Lilli

    RispondiElimina
  5. Ragazze vedo con piacere che non sono "sperduta" come mi sarei aspettata...ma nessuna di voi ha ancora esternato cosa chiederebbe alle autrici di erotico se ne avesse la possibilità...

    RispondiElimina
  6. Io vorrei più uomini "schiavi d'amore" un pò come quello dell'immagine per rendere l'idea :p Davvero bella *_*
    Lilli

    RispondiElimina
  7. Io vorrei più uomini "schiavi d'amore" un pò come quello dell'immagine per rendere l'idea :p Davvero bella *_*
    Lilli

    RispondiElimina
  8. Non uno schiavo d'amore bensì 2!
    Hihihihihi, scusate il doppio commento, ho pasticciato come al solito :(
    Lilli

    RispondiElimina
  9. A me non disturba affatto il genere erotico, anzi! Ho difeso a spada tratta il libro della Shone, proprio in questo blog. Ma quello che non amo leggere sono i triangoli le ammucchiata le posizioni fatte tanto per ... posizionarsi! Secondo me nel libro erotico deve potersi leggere, oltre alla passione, anche l'amore. Forse sarà una contraddizione, non so, ma mi piacciono le storie con innamoramenti immediati, ma anche contrastati (per un qualsiasi motivo) dai protagonisti. Dalle autrici di erotico vorrei: meno posizioni e più approfondimenti psicologici. Storie intense come Il Grido del desiderio.
    Lucia

    RispondiElimina
  10. Sai Lucia, pensavo proprio a te quando Eleonora ha scriveva il post!
    Adesso leggo che nella Schone hai torvato un lato psicologico dei personaggi ed una storia d'amore e nella Hart no...
    :))
    bello ,bello, bello...mi piace leggere di tanti pareri diversi!

    RispondiElimina
  11. Ross, scusa l'equivoco, ma io non ho letto la Hart. Ancora. Mannaggia, mi tocca comprarlo, per poterne discutere. Ragazze, pero! Da quando ho scoperto questo blog e altri non ho fatto altro che comprare libri per mettermi al pari, ma non ci riuscirò maiiii!!!
    Lucia

    RispondiElimina
  12. ops! avro' letto di fretta il tuo commento e come al solito tratto delle conclusioni errate...chiedo venia...ma beneeeeeeeeeeee...se ancora devi leggere il libro, affrettati...mi serve proprio qualcuna che tenga testa ad Eleonora, altrimenti quella si esalta...lo leggerei io, ma sono allergica agli erotici...ihihih
    aspetto tue notizie!

    RispondiElimina
  13. Scusa Ross, sai dove posso trovarlo? Ho cercato sul sito Harlequin ma non ce l'hanno e su comprovendolibri.it lo vendono minimo a 10 euro!
    Lucia

    RispondiElimina
  14. Io gli erotici li leggo non sono una di quelli che li schifa anche perchè alcuni erotici tra gli RM non sono poi cosi' erotici :D Altri invece fanno veramente pena :( Ho letto solo la Hoyt e la Holly tra le citate e nessuna delle due mi ha presa particolarmente, anzi la Holly in Oltre la seduzione mi ha fatto proprio chiudere il libro perchè non ne potevo piu'!!
    Come ha detto bene qualcuna piu' sopra l'erotismo ha senso se entra nella sfera di una storia d'amore che ti regala delle belle emozioni, ma se la storia non ti appassiona allora cadiamo nel volgare e non nell'erotico. Una domanda per le scrittrici di romance erotici?..uhm... l'unica che maliziosamente e banalmente mi verrebbe da porre è quanto di fantasia e quanto di sperimentazione pratica c'è nelle scene che descrivono :P

    Danila

    p.s Lety ha ragione Oblio e Passione è proprio avvincente!!

    RispondiElimina
  15. Io sono una di quelle che legge questo genere di libri e se devo essere sincera solo in alcune autrici ho riscontrato solo scene di sesso e niente amore, e qui mi riferisco a Amanda McIntyre, e a un paio di romanzi della Hart. Ma per il resto li ho trovati molto coinvolgenti..
    Scusate, chi di voi ha letto Oblio e Passione della featherstone? ebbene c'è più sentimento lì che in tanti altri libri. Oppure nell'ultimo di Shayla Black. Dove la storia d'amore fra i due protagonisti è intensa e anche molto approfondita, con la crescita psicologica dei sentimenti dei personaggi. Oppure ancora la saga di sarah Mccarthy.

    Beh si è visto che sono un pò di parte vero?

    baci baci

    RispondiElimina
  16. Una mia amica mi ha inviato il link di un romanzo, da poter scaricare gratis in vari formati (pdf, mobi, epub), davvero intrigante. S'intitola Antony (www.romanzigratissylviakant.com). Vi leggo la trama, tanto per far capire di che cosa si tratta: " Antony Barker è un affascinante gigolò dal passato torbido, un presente schizofrenico e il futuro quantomeno incerto. Un rapporto ambiguo e morboso lo lega alla sua cliente numero uno, la crudele e potente Rachel Norton, presidente della più grande industria farmaceutica statunitense, la Norton & Faulk. Ed è proprio ad uno stage della Norton & Faulk che viene invitata a partecipare la giovane dottoressa Angela Palmieri...". Non voglio anticipare altro, sennò finisce la sorpresa. Comunque io l'ho divorato in un giorno (nonostante le 700 e passa pagine) e anche le mie amiche, al massimo, ne hanno impiegati due. Ci stiamo augurando tutte che l'autrice scriva anche un bel sequel (la fine del libro lo farebbe supporre). Nonostante il romanticismo, il resto è parecchio parecchio parecchio hard (d'altronde si narra di un gigolò completamente amorale), quindi non è certo un romanzo per stomaci deboli o per benpensanti. Ho provato a farlo leggere anche ad alcuni amici maschi etero... E l'hanno odiato profondamente (l'invidia è una brutta bestia). Buona lettura e un caro saluto, Thea

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!