Passa ai contenuti principali

L'uomo che non voleva amare di Federico Moccia: una recensione dovuta!

E' tempo di festa....!
C'è chi festeggia e chi no, c'è chi parte e chi cucina...
Noi rompiamo...le uova per trovare le sorprese!!!
E ci godiamo qualche giorno di pausa e "meritato" (o almeno, ci piace pensarlo!) riposo...
Questo post lo lasciamo per darvi la possibilità di scambiarvi gli auguri, pensieri carini...insomma, ciò che volete dire, potete scriverlo!

In compenso però, vi lasciamo con una recensione che esula un pò dal mondo romance, ma che ci piacerebbe condividere con voi!!!
Baci a tutte e ci ritroviamo martedi!

Eleonora

P.s anche se e' una vecchia Malelingua Strip, ci e' sembrata pertinente!






Chiamatela deformazione pseudo-professionale, chiamatela fissazione….fatto sta che quando propongo l’uscita di un romanzo, automaticamente mi sento quasi costretta a leggerlo anche io!
Qualche mese fa, vi abbiamo annunciato (LINK)l’uscita Rizzoli dell’ultimo romanzo di Federico Moccia, “L’uomo che non voleva amare” e io, come sempre, diligente l’ho letto (che mi è stato regalato vale lo stesso?).
Federico Moccia aveva annunciato un cambio di stile….in effetti, qualche differenza c’è visto che i protagonisti sono adulti e di conseguenza mancano i luoghi comuni dell’adolescenza…
Sono trattati temi più “seri” senza troppa commiserazione, né condiscendenza.
Ma, a mio modesto parere, Federico Moccia commette tre errori:
1)Nel creare Tancredi come un uomo alpha, bello, di talento, ricco...eccede un po’! Onestamente, a tratti mi è sembrato più uno stalker che altro! Lui non ama la felicità altrui e tende a rovinare le coppie apparentemente felici, conquistando le donne. E fino a qui (diciamo!) che ci può stare! Ma per farlo, prima di tentare l’approccio, svolge indagini dettagliate sulle future “vittime”! Ma dico io, un uomo tanto bello, tanto carismatico e importante, ha bisogno di questi espedienti da “molestatore” per attirare una donna?
2)Tancredi si “innamora” di Sofia al primo sguardo e decide di averla… Così Tancredi chiede al suo collaboratore di indagare sulla vita della ragazza. Il problema è che anche qui Moccia esagera…va bene che viene a conoscenza dei suoi concerti…va bene che sa i suoi dati anagrafici…e va pure bene che apprende dei suoi voti scolastici…ma, signori miei, come riesce sto tizio ad avere le copie dei suoi diari?! Non vi sembra un po’ eccessivo?! Orbene, Signor Moccia…fantasia va bene, licenza poetica pure…ma ste cose sono fantascienza!!!
3)SPOILER: Infine, ciò che io ho sempre trovato piacevole nei romanzi di Moccia, è il finale romantico, esagerato, ma adatto a sognare ad occhi aperti, a lasciare in bocca un dolce sapore…e qui che mi combina Sior Moccia?! Sofia sceglie di non stare con Tancredi?! Sceglie di lasciare il marito? No, no e no! Non mi sembra corretto per chi si avvicina al genere per sognare un po’… se questo è il “cambio di stile annunciato”, da povera lettrice, esprimo tutto il mio dissenso e mi permetto di dire una piccola cosa: Un romanzo degno di tale nome, per fuoriuscire dai soliti cliché può essere un capolavoro anche con un bel lieto fine!
Parola di blogger
Ele





Commenti

  1. Buongiorno Ele, ottima recensione come sempre, credo che tu abbia colto punto per punto i momenti salienti del romanzo, tanto da darmi l'impressione di averlo anch'io.
    Ecco, trattandosi di Moccia mi basterà quest'impressione.
    Potevo esimermi dal commentare? No, è più forte di me. Il mondo letterario di questo signore si conferma popolato da esseri immaturi e tutto sommato artefatti, che pensano solo a divertirsi, qualunque sia l'eta anagrafica del soggetto protagonista. Qui si parla di adulti, ma da quello che dici questo Tancredi sembra il solito bambinone egoista, un filo più grande dei protagonisti dei precedenti romanzi(oddio, che parolona!).A me Moccia dà l'impressione di essere completamente fuori dalla realtà, nonostante il tentativo di sembrare "gggiovane"e di descrivere situazioni che secondo lui sono tipiche di un certo mondo.
    Confermo che questo signore più che uno scrittore mi sembra una macchina per far soldi alle spalle di adolescenti un pò disturbate e i suoi prodotti mi sembrano dei mostrifici; Ele, sono contenta che il libro te lo abbiano regalato, soldi risparmiati!
    Naturalmente si tratta di un parere personale, se a qualcuna sono parsa offensiva mi scuso.
    Ma sono sincera.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  2. Bella recensione Ele, grazie, evito (se mai ne avessi avuto idea) di comprare il romanzo.. Moccia è un autore che non mi piace(qualche settimana fa è venuto nella mia città a promuovere questo libro e nemmeno x curiosità ci sono andata!) forse proprio perchè scrive e piace agli adolescenti. penso che anche cambiando un po genere per me lo stile di uno scrittore rimane sempre quello.

    Buona e felicissima Pasqua a tutte ! un bacio, Diana

    RispondiElimina
  3. Buona Pasqua a tutte!!!!
    Niki

    RispondiElimina
  4. Confesso che non ho letto alcun libro di Moccia ma ero incuriosita da questo libro. ^_^

    RispondiElimina
  5. Sofia lascia Andrea perche lui sapeva tutto di questa situazione e non ha detto nulla. Ha venduto sua moglie

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…