Passa ai contenuti principali

Un segreto non e' per Sempre di Alessia Gazzola

TRAMA

Dura la vita per Alice Allevi, che ha appena superato la delusione per non aver vinto un micro seminario di Scienze Forensi. Non che le interessasse tantissimo l’argomento: il fatto è che il seminario si sarebbe tenuto a Parigi, e a Parigi vive Arthur. Ma tant’è, si sa che per lei l’Istituto di Medicina Legale «è un amante malfidato che prende senza dare»… Ma la vita lavorativa ha in serbo per lei altre sorprese, e nello specifico una causa d’interdizione. Lui è Konrad Azais, un famosissimo scrittore, best seller in tutto il mondo, grande esperto di enigmistica. A richiedere l’interdizione sono i figli, che ritengono il padre ormai vittima della demenza senile visto che ha dichiarato di voler lasciare tutti i suoi beni a una sconosciuta.
Quando poi Azais muore in circostanze misteriose, che nemmeno l’autopsia riesce a chiarire, Alice inizia un’indagine combinando le sue conoscenze di medicina legale, l’intuito e la ricerca tra librerie e le opere di Azais…



Direttamente dalla scrivania di SereJane

 Sembra incredibile ragazze, ma questa volta sono proprio rimasta senza parole!
Vi spiego, qualche giorno il Boss Ross aveva pubblicato post in cui annunciava l’uscita del libro “Un segreto non è per sempre” di Alessia Gazzola.-LINK- 
Ammetto la mia completa ignoranza, non conoscevo l’autrice, ma vista la mia sintonia di gusti con la Ross ho deciso di documentarmi e di acquistare i due romanzi di Alessia. E vi assicuro che li ho letteralmente divorati! Terminato il primo mi sono precipitata in libreria a comprare il secondo.

La protagonista, Alice, è un medico legale, ma proprio come me, è una mega pasticciona, capace addirittura di perdere un cadavere in un corridoio dell’obitorio!!!! 
Sarà questa particolare affinità,sarà la sua predisposizione alla goffaggine,sarà la mia ammirazione per la sua scelta di diventare medico legale (se chiedessero a me di estrarre un cuore, sarei capace di scambiarlo con il pancreas probabilmente!!!), Alice mi è diventata subito simpatica!!!
Siccome vi conosco però e so che state aspettando di sapere di una qualche presenza maschile, vi annuncio carissime che in questa storia ci sono ben due ometti!!! Bello, no??? Così non ce li litighiamo!!!
Ve li presento: uno è Arthur (che nome affascinante!!) un  giornalista con la passione dei viaggi e con una gran voglia di scoprire il mondo e le sue bellezze e che sfortunatamente nel primo libro si trasferirà a Parigi. Affascinante, bello, un po’ incostante ( e si sa, a noi piace tribolare) e ahimè è pure il figlio del capo!!!!
Passiamo all’altro ragazzaccio (non a caso), Claudio, collega – superiore di Alice; classico donnaiolo cui tutte le specializzande vanno dietro!!! Insomma un altro bellissimo: basta un suo sorriso e tutte le donne cadono a suoi piedi!!
Difficile scelta, no??? Vi anticipo qualcosina, non troppo perché non voglio rovinare la lettura a chi ancora non conoscesse i due romanzi, la prima scelta di Alice verterà su Arthur. Insomma Claudio non le va proprio giù, un latin lover del genere le spezzerebbe sicuramente il cuore, e lei non vuole di certo questo!! Il problema è che… le relazioni a distanza non sono troppo facili, vero?? E Claudio è così vicino…. Ma ahimè, la dolce Alessia ci farà trepidare e sospirare perché neanche alla fine di questo romanzo ci dirà la vera scelta di Alice.
I romanzi di Alessia (ormai siamo amiche no?:) eh eh eh) però non sono solo rosa, ma si tingono di giallo, d’altra parte Alice non fa mica la commessa!! E così ci ritroviamo a giocare alle piccole investigatrici!! Troppo bello!! Adoro i libri in cui giallo e rosa si mischiano insieme!!
Nel primo romanzo, per chi non lo sapesse, Alice riceve da un ispettore di polizia la proposta di collaborare part- time con loro e così questa volta oltre a trovarla impegnata a vivisezionare cadaveri prenderà attivamente parte alle indagini di un caso omicidio. Omicidio di un famosissimo scrittore, ritenuto pazzo dai familiari. Ma si sa, quando si tratta di gialli non si può dire una parola e quindi muta me ne sto!!!!;)))
E’ vero avevo detto di essere rimasta senza parole… ma sapete perché?? Non conoscevo Alessia, probabilmente perché la zona Gialli della libreria la bazzico poco, ho seguito il consiglio della mia amata Ross e sono stata completamente rapita! Tutti e due i libri mi hanno completamente presa, emozionata, catturata, attorcigliato lo stomaco; avrei pianto dall’inizio alla fine!! Sono passata dalla gioia alla sofferenza insieme ad Alice, ogni sentimento che provava lei lo provavo anche io, insomma era come se vivessi io stessa nel libro!
Sono veramente contenta di aver scoperto questa autrice e non vedo l’ora di poter leggerlo il terzo, il quarto e quanti altri splendidi volumi vorrà regalarci.
Insomma, vi ho convinte?
Spero proprio di si!! Correte in libreria!!!!  
  

SereJane 

 






 

Commenti

  1. ecco ecco lo sapevo!
    Ad andare con la Ross si impara a Rosseggiare...
    è perduta la Bimba è perduta, l'ho persa di vista un attimo e la stregaccia l'ha plagiata!
    E mi è diventata pure ironica!
    E sta tentando di portarci sulla sua scia!
    E ci riesce pure!
    Con parole suadenti ti ammalia facendoti venir voglia di comprare ancora libri e libri e libri!
    Maremma sconfinata, un c'ho mica la biblioteca di Buckingham Palace!
    Ma... c'è una biblioteca nel Palace??!!

    RispondiElimina
  2. Più che altro Lulli di questo passo ci vorrebbe il Palace per biblioteca, non basterebbe più neanche quella di Pemberley. La smettete di fare queste belle recensioni accattivanti???
    Serena se vuoi imitare Ross e Lulli fai delle belle malelingue!
    Non ho nè la casa nè il portafogli a fisarmonica e fra un po' il marito mi fa volare via insieme ai libri!

    Libera

    RispondiElimina
  3. Ah ah ah!!! Mi fate troppo schiantà!! Ma come farei senza di voi??!!!!;)
    IO VOGLIO IL PALACE INTEROOOOO!!!;))))))
    Posso proporre una colletta?? eh eh eh!!
    Comunque Lib non preoccuparti, se voglio posso fare anche la malalinguosa...;) eh eh eh!!!;P
    Solo che ogni tanto cerco di calmare le due mie mentore!!;)
    SereJane

    RispondiElimina
  4. Quando era uscito il primo libro avevo visto diverse pubblicità che definivano la protagonista "un misto tra Kay Scarpetta e Bridget Jones", si sa che ai giornalisti piace sempre mettere le etichette. Il primo è nella pila da leggere perchè alle autrici italiane si da sempre sostegno e una chance ;)e dopo la tua rece lo andrò a ripescare per metterlo in valigia

    RispondiElimina
  5. Serenina ma quanto sei brava??!!!! Bella e ironica la tua recensione e concordo con Libera perchè qui continuo a comprare libri..che non so più dove mettereeeee!!!!! Ora mi tocca andare in libreria e comprare anche questo perchè dalla trama e dal tuo commento mi sembra frizzante e divertente e tra l'altro un'autrice italiana e giovane..!

    Un abbraccio tesorino!!

    RispondiElimina
  6. Sere, con la tua recensione, invero si' bella, strazi il mio portafogli già esulcerato!
    Andrò tosto a sostituire le gambe dei tavolini con altrettanti libri, per risparmiare spazio!
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  7. i libri si possono anche prendere nella biblioteca comunale

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…