Passa ai contenuti principali

La notte del Vento e delle Rose di Anna Bulgaris

 Napoli, 1799.Una donna trascina con sé un bambino, un uomo li segue tra la folla... E mentre il molo brulicante di volti sudati e affaccendati segue la sua routine quotidiana, qualcuno li osserva dal ponte di una nave straniera. Viene dall’Inghilterra per tentare di ristabilire un equilibrio fra Borboni e Inglesi, ma anche per ritrovare la donna che pensa di aver perso per sempre. Julia è destinata a fuggire, prima dall’uomo che ama con tutta sé stessa e che l’ha abbandonata nel momento del bisogno, e ora da chi la insegue per strapparle il bambino che lei ha deciso di riscattare da un futuro di soprusi e angherie. Il suo cuore non ha pace, meno che mai ora che suo marito Christian ha deciso di riportarla a casa. Lui dovrà riconquistare la sua fiducia e riconoscere la donna coraggiosa e saggia che Julia è diventata, mentre lei dovrà abbandonarsi di nuovo a quello sguardo che anni prima, ancora ragazzina, l’aveva rapita. In un mondo dove gli intrighi di corte, le invidie e l’ossessione sembrano regnare incontrastate, riuscirà il loro amore a risorgere dalla cenere?

 Per leggere la nostra recensione, clicca su Continua a Leggere.





Direttamente dalla scrivania di Libera

Ed eccoci di nuovo a parlare di un romanzo di Anna Bulgaris. Dopo i due racconti erotici vi racconto del suo libro.
Il prologo è di un impatto fortemente emotivo. Siamo in Inghilterra e assistiamo impotenti al dolore di una donna che scappa.
La trama si svolge a Napoli.
Ben incastonata nella storia del ritorno al potere di re Ferdinando IV e della regina Maria Carolina, dopo la fuga a Palermo e l’epurazione della nobiltà dai rivoluzionari repubblicani, c’è la storia d’amore e sfiducia tra Christian e Julia.
Marito e moglie non si sono mai compresi davvero e attraverso una serie di flashback impariamo fino a che punto le loro diversità, di indole ed educazione, hanno contribuito al malinteso che ha provocato la rottura e la fuga della donna.
Lei ha il terrore di essere di nuovo oppressa e “rinchiusa”, ha assoluta necessità di respirare libertà per vivere, di fare le sue scelte autonomamente.
Lui conosce solo un mondo fatto di ordini e gerarchie, si ritrova spiazzato sperimentando un sentimento devastante come l’amore, stenta anche a riconoscerlo, provando solo confusione e paura.
Nella difficoltà di lasciarsi conoscere profondamente, continuano ad affrontarsi armati dei loro pregiudizi invece di parlare a cuore aperto, continuando a ferirsi inutilmente, fino a rischiare di perdersi.
Non voglio rivelarvi la storia, piena di avventure e colpi di scena, si passione, amore ma anche dolore e sofferenza.
Però voglio spendere qualche parola su altri personaggi, come Drew che all’inizio sembra vivere di riflesso alla luce del cugino, ma che si rivela poi un uomo profondo e maturo, che sa quel che fa, pieno di cicatrici nell’animo e quasi sconfitto nei sentimenti, anche se … beh nel finale c’è qualcosa che fa ben sperare in un prossimo romanzo.
Un altro personaggio pieno di belle speranze è Enrico Mirabelli. Dovrebbe essere il cattivo del romanzo, ma sembra amare davvero Julia, e appare anche un personaggio pieno di buone potenzialità, chissà che anche per lui non ci saranno prossimi sviluppi.
Concludo con i complimenti all’autrice per aver saputo rendere splendidamente i sentimenti dei personaggi, il dualismo di passione e dubbio che li lega ma li respinge. Ogni uomo donna e bambino che appare in questo libro è importante e ben delineato, e trasmette qualcosa al lettore.


Libera



Commenti

  1. Cavolo che bella recensione!
    Ancora non mi è arrivato il libro, ma in settimana lo avrò e allora sarà la mia prossima lettura.
    Spero che mantenga ciò che promette.

    RispondiElimina
  2. Se il romanzo e' bello solo la meta' della recensione di Libera, allora e' un capolavoro!
    Bravissima, come sempre.
    Lucilla

    RispondiElimina
  3. Bellissima recensione, se prima avevo voglia di leggerlo adesso smanio per averlo!!!
    PiPiPi

    RispondiElimina
  4. Deve arrivarmi a giorni e non vedo l'ora di leggerlo. Brava Libera bellissima recensione.

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutte. Dopo averlo letto vedrete che sarete d'accordo con me.

    Libera

    RispondiElimina
  6. Una recensione stupenda, grazie Libera, hai toccato i punti salienti del romanzo senza rivelare troppo :-)
    Sei stata bravissima
    Baci
    Anna Bulgaris

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…