Passa ai contenuti principali

A spasso con le...Rose!

Dierettamente dalla scrivania di Mariangela Camocardi



Una gita a Milano

L’avevamo scoperto già dalle prime edizioni de La Vie en Rose quanto ci piace stare insieme. Solo, le possibilità di farlo sono realmente poche e da un anno all’altro la nostalgia è forte. L’amicizia si è consolidata in affetto reciproco, tra le Rose nostre. Una nostalgia che ci spinge a tenere un contatto quotidiano. Condividiamo molto, come le  lettrici/amiche di facebook avranno constatato. Per esempio i link che propongono interviste e ciò che promuove le reciproche fatiche letterarie. Ma anche la comprensibile ansia che precede l’uscita di un romanzo fresco di stampa firmato da una di noi. Siamo italiane e si sa che ci sono lettrici che preferiscono la narrativa straniera.

Poi, senza averla programmata, capita l’occasione di riabbracciarci prima dell’evento VeR e così chi può si organizza, perchè a sorpresa si prospetta un raduno pomeridiano di Rose, anche se parziale. Theresa Melville viene nel profondo nord per due giorni e il punto di incontro è Milano. Io Miriam Formenti, Carla Maria Russo e Viviana Giorni ci diamo appuntamento al multicenter Mondadori. 
 Il mio treno ha un ritardo di circa un’ora.
Vi lascio immaginare i sacr..enti della sottoscritta, ma dovevo immaginare che era solo l’inizio. Scendo dall’intercity in Centrale e il sorriso di Miriam rischiara la giornata. Per poco. Ci siamo dovute inerpicare lungo un’infinità di scalini al fine di riemergere dalla Metropolitana e scorgere la luce. Le scale mobili, e ti pareva, quel giorno erano un optional. Nel senso che ci esci a piedi o resti lì sotto. Cara grazia scarpinare. Miriam voleva farmi ammirare il panorama della città dalle terrazze del Duomo, ma per arrivarci in ascensore sono 12 dicasi 12 euro. L’alternativa è salirci a piedi. Abbiamo rinunciato optando per la Rinascente. Uno spettacolo! Si respira già aria di Natale e al settimo piano entrambe restiamo attonite davanti a un assortimento di scarpette di cioccolata e pasta di mandorle da lasciarci appiccicati gli occhi. Ho pensato d’acchito a Juneross e alla sua passione per le calzature. Le ho fotografate, consapevole di renderla felice. 



Allo scoccare dell’ora ics, puntuali come orologi svizzeri, Miriam e io siamo davanti all’entrata del multicenter.
La prima a sopraggiungere è Carla Maria Russo. La gioia di rivederci le brilla nello sguardo, noi pure. Immediatamente dopo ecco Theresa e Viviana: baci, abbracci, scambi festosi di parole che s’accavallano tra loro nell’euforia del momento. Quante cose da dirsi, quante domande! 
Ma il tempo è tiranno e fugge veloce e ci affrettiamo verso la nostra destinazione: una rinomata pasticceria del centro di cui Carla è una habituè. 
Milano è sempre Milano, animatissima e intasata di traffico, ma ci  offre sprazzi di cielo azzurro e piacevole tepore autunnale. Ci abbandoniamo senza rimorsi alle leccornie che ci vengono servite, accompagnate da chiacchiere sulle rispettive novità: i progetti, i romanzi che stiamo scrivendo, le prossime uscite… e sì, qualche sana malalingua ce la siamo comunque concessa. Diamine, alle signore da che mondo è mondo è lecito cedervi, che ne dite? 
Ahimé, quando si sta bene in compagnia di amiche che amiche lo sono davvero le ore volano: prima di quanto in realtà vorremmo, già incombono gli arrivederci.
Con la promessa di fare in maniera di ritrovarci presto, prendiamo congedo una dall’altra. Tra noi aleggia il rammarico di abitare lontane e di dover attendere forse mesi per riunirci nuovamente. Ma è stata una stupenda giornata e l’abbiamo assaporata fino in fondo. È ancora più fantastico riscoprire intatto il clima di amicizia che questo gruppo di autrici italiane ha saputo e voluto creare. 



Grazie a Carla Maria, Miriam, Theresa e Viviana. E grazie a Juneross che ha permesso a tutte noi di fermarne il ricordo in questo blog aperto a tutte noi.    


Commenti

  1. Mi sono davvero commossa a leggere le parole di Mariangela.... forse perchè le stesse emozioni le provo io stessa ogni volta che ci incontriamo alla Ver... e proprio come voi, anche noi lettrici nel nostro piccolo, cerchiamo di organizzare altri ritrovi per ridurre il tempo che ci separa dalla Ver..
    Sono veramente felice per voi e per la splendida giornata che siete riuscite ad organizzare..;) è una gioia vedervi così serene e gioiose..;)

    SereJane

    RispondiElimina
  2. Come avrei voluto esserci! Invidia!!!!!!!
    Alla prossima!
    Ornella Albanese

    RispondiElimina
  3. Che carino il reportage... spero di essere anch'io alla VeR quest'anno :)

    RispondiElimina
  4. Ormai la VER e' un appuntamento irrinunciabile....ma che bello leggere di questi incontri, l'amicizia e' davvero un grande dono! Grazie Mariangela.
    Ciao
    lucilla

    RispondiElimina
  5. Molto bella anche la foto. Siete stupende!

    RispondiElimina
  6. Cara Mariangela, il tuo è stato un reportage stupendo. Posso solo ripetere, semplicemente, che sono stata felicissima di partecipare a quell'incontro.
    Miriam Formenti

    RispondiElimina
  7. Siete bellissime! E Mariangela ci ha fatto respirare la frizzante atmosfera della vostra giornata milanese. Ah, io VOGLIO quelle scarpette, ma questo non c'entra ^_^
    Davvero l'amicizia è un dono straordinario, e mi permetto di aggiungere che nel mondo romance, tra le scrittrici e le lettrici, ho incontrato un senso di vicinanza, affetto, e condivisione di momenti belli e brutti, di scherzi e considerazioni serie, che davvero scalda il cuore. Tanto più se si considera che in troppi luoghi regnano invidia, indifferenza e arrivismo della peggior specie...
    Vi voglio bene, splendide signore!
    Patrizia

    RispondiElimina
  8. Mariangela ha ragione, è stato un pomeriggio bellissimo, in una Milano sfolgorante. Con l'occasione ringrazio le amiche che mi hanno accolta con tanto affetto, regalandomi una spensieratezza della quale avevo dimenticato la magia. E naturalmente grazie alla cara Juneross per l'ospitalità. Vi abbraccio tutte.
    Theresa

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutte per aver lasciato un commento, particolarmente a Miriam e Theresa.

    RispondiElimina
  10. Care Rose Nostre, è bellissimo leggervi anche nella vita di tutti i giorni, è bellissimo considerarvi amiche.
    Speriamo di incontrarci il prossimo anno alla VER. Non vedo l'ora!

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…