Dolce Sacrificio di Anne Stuart ( la vendetta!)



Premessa:

Visto che la mia Malelingua sulla Stuart ha animato le lettrici, era ora!, Lullibi e' stata costretta a leggere il romanzo, giusto per il gusto di contraddirmi! 
Vediamo se ora siete d'accordo con lei :)

June Ross 




 
LETTERA APERTA A BOSSROSS SU “DOLCE SACRIFICIO” DI ANNE STUART

Cara Ross,
sono così dolente (seeeeeeee) di non essere con te d'accordo, sai quanto mi dispiaccia contraddirti (eheheh), ma a me “Dolce sacrificio” è piaciuto.(Trovate la sua recensione a questo LINK)
Sarà che amo le storie dark, i bad boy, le eroine paurose, ma coraggiose (è un'incongruenza? Boh...), ma il romanzo non è così brutto da farci una Malalingua. Almeno a parer mio.
E' vero, i protagonisti potevano essere meglio sviluppati (non parlo del randello, ovvio!), le situazioni e le avventure ancor più dipanate, ma, in fondo è stata una gradevole lettura e l'ho finito in poche ore. Ross, tu quattro giorni? Sarà mica che non sai leggere veloce o che hai bisogno degli occhiali?

Mi piace lo stile della Stuart, non ho trovato errori evidenti, a parte... a parte, mi sono bloccata su due parole: vampiro e mutante. Sono andata a cercarmi il periodo storico (e già ho interrotto la lettura) di Enrico III e visto che il re viene descritto come dodicenne, dovremmo essere nel 1219, anno più, anno meno. Poi son dovuta andare a cercarmi l'etimologia di “vampiro” e “mutante” (non ho capito perché Google si ostinasse a propormi “mutande”, ma questa è un'altra storia...) e qui mi casca l'asino.
Cito da Wikipedia: 

vampiro è un essere mitologico/folkloristico che sopravvive nutrendosi dell'essenza vitale (generalmente sotto forma di sangue) di altre creature, nonché una delle figure dominanti del genere horror.
Nonostante la speculazione sostenuta dallo storico letterario Brian Frost secondo la quale la credenza dei vampiri «potrebbe risalire alla preistoria», il termine "vampiro" divenne popolare solo agli inizi del XVIII.

Per non parlare di “mutante” termine nato con la fantascienza.
Forse l'autrice, o la traduttrice, non so, avrebbe fatto meglio a usare il termine “mostro bevitore di sangue” per descrivere Grendel.
Ah... c'era un altro termine che mi aveva infastidito, ma ora non lo ricordo.
A parte questa divagazione (la mia natura velenosa deve comunque fare capolino) il resto del libro me lo sono sorbito tutto in breve tempo.
Sarà che amo il Medioevo come ambientazione storica, ma il romanzo non mi ha annoiato, ho trovato molto bella la scena d'amore sulla torre, in pieno temporale (ok, la serpe tira fuori la lingua biforcuta, ma le impongo di ritirarla e di non fare battute su tuoni e fulmini), e il personaggio di Simon de Navarre mi ha affascinato. A proposito, cara BossRoss, io lo immagino così:



 Avrei preferito avesse veramente la mano anchilosata (ohhh Geoffrey de Peyrac...),
allora sì che Alys avrebbe dimostrato coraggio!
E non mi ha deluso neppure lei, ingenua sì, educata in convento e ignara della vita, ma non stupida.
E l'autrice (santa, santa Stuart) non ci ha propinato neppure un attimo del dannatissimo, insopportabile misunderstanding! Certo paura e dubbi Alys ne ha, ma appena di fronte al marito la sua mente razionale le fa capire tutto (santa, santa Stuart), non ci sono silenzi, fughe, equivoci che allungano il brodino.
Però do ragione ad alcune lettrici, il finale è misero e troppo breve, si risolve tutto in poche righe.
E poi, è vero che l'amore è tutto, ma questi due dove vanno a finire???
Io la curiosità ce l'ho...

Cara la mia Ross, a me è piaciuto, tu avevi chiesto dei pareri e io, il mio, te l'ho dato.
Tanti cari saluti

Lullibi

 











8 commenti:

  1. A questo punto devo leggerlo per forza. Sono riuscita a recuperarlo, oggi lo inizio e poi vi saprò dire!
    Cassie

    RispondiElimina
  2. Accidenti, non lo trovo....DEVO leggerlo!
    E comunque, quando si parla di Navarre, mi viene in mente un solo nome, Etienne Navarre!
    P.s.: randello?
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  3. Ciao darling!!! Io lo sto leggendo ora e mi sta piacendo un sacco :)

    Baci

    Lilli

    RispondiElimina
  4. Concordo su tutto con questa rcensione. Un libro non privo di difetti (il finale miserissimo....peccato!) ma sicuramente migliore, ma di tanto, di molti altri letti negli ultimi tempi.

    RispondiElimina
  5. OH RAGAZZE, SIETE FANTASTICHE. VI SEGUO CON PIACERE OGNI VOLTA CHE POSSO E QUANDO NON STO DI BUON UMORE APPENA LEGO LE VOSTRE RUBRICHE, IL BUON UMORE TORNA. SIETE BRAVISSIME E SPIRITOSE. E AVETE RAGIONE QUASI SEMPRE. I LIBRI STANNO DIVENTANDO TROPPO SIMILI UNALTRO E NON SI ASPETTA PIU' CON TANTO ENTUSIASMO LE NOVITA'. BUONA CONTINUAZIONE E GRAZIE PER LA VOSTRA ALLEGRIA E SPIRITO.

    RispondiElimina
  6. Letto in un giorno. Bello, mi è piaciuto. Però Thomas e Claire mi sono rimasti nel cuore e, secondo me, rubano un pò la scena ai protagonisti. Non lo so il perchè, probabilmente la loro storia risulta più credibile oppure è il mito del cavaliere forte e coraggioso che mi affascina.
    Anna

    RispondiElimina
  7. Ciao a tutte.
    Lucia, concordo con tutto! Anzi concordo con tutte, io ho adorato anche la storia di Thomas e Claire, quindi, non escludendo qualche pecca, lo promuovo, come avevo già detto!
    Lety

    RispondiElimina
  8. Finito adesso. Il libro mi sarebbe piaciuto di più senza la storia della sorella, che personalmente ho trovato odiosa... infatti la sua parte di storia l'ho saltata quasi interamente. I protagonisti mi sono piaciuti abbastanza, ma il finale è troppo misero e tutto l'insieme è un pochino lento. Da 1 a 5, direi 3 stelline, dai!
    Cassie

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!