Passa ai contenuti principali

Buio di Anne Stuart

(Grazie cara Morwen e nuova amica Matesi)

Mah... di essere un po' strana lo sapevo, e poi la Boss me lo ripete spesso (sarà che pure lei tanto normale non è...), però ho capito di appartenere alla famiglia dei bastian contrari. Se mi dicono: "Totto bella, non si tocca!" Eccola là che parte la manina...

Compro tutti gli ebook Mondadori edicola, perché, grazie a Dio e alla casa editrice, costano molto meno del cartaceo e degli ebook di altre CE. Anche se non è detto che riesca a leggerli, anzi sono molto, ma molto indietro. Però, non appena vista la Malelingua di Morwen su Buio di Anne Stuart, mi è scoppiata la curiosità di leggerlo link. Non vi dico poi quando ho notato su Facebook una discussione a causa della recensione di Matesi su Amazon.
Una discussione, dai toni civili, che ha attirato la mia attenzione. Adoro i pareri discordanti, specialmente quelli negativi, perché è facile darne uno positivo, ma ci vuole coraggio per andare contro la maggioranza.
Diamine, su un libro della Stuart poi!
Su un libro riverito e osannato!
Su un libro che all'usato era arrivato a costare 50 Euri 50!


Richard Tiernan è in attesa di esecuzione per l’omicidio della moglie e la scomparsa dei suoi bambini. Ma prima deve portare a termine un ultimo compito, per il quale stringe un patto con lo scrittore Sean O’Rourke: gli svelerà la sua mente di assassino affinché ne scriva un bestseller, in cambio di una cauzione milionaria e di sua figlia Cassidy. Per il suo scopo, Richard ha estremo bisogno di lei, ed è pronto a esercitare tutto il proprio magnetico potere di seduzione per piegarla a sé. La ragazza si rende conto di essere una pedina nelle sue mani, eppure non può resistere all’incontrollabile desiderio che la spinge verso di lui. Ma cosa vuole Richard da lei? È davvero colpevole? E qual è il segreto per cui sembra disposto a morire e a rinunciare all’amore di Cassidy?
Note:
BUIO ( Nightfall ) è una delle opere più celebri di Anne Stuart, affermata autrice di numerosi romanzi di varia ambientazione.
Tra le opere di Anne Stuart già pubblicate da Mondadori, ricordiamo PRINCIPE DI SPADE ( Prince of Swords ) nella collana I Romanzi Classic; LA DANZA DEGLI INGANNI ( Shadow Dance ), IL LORD DEL MISTERO ( To Love a Dark Lord ), UNA ROSA A MEZZANOTTE ( A Rose at Midnight ) e DOLCE SACRIFICIO ( Lord of Danger ) nella collana I Romanzi Emozioni.Ambientazione: America, Stati Uniti, oggi Premi e riconoscimenti della critica: All About Romance DIK ( Desert Isle Keeper ); Premio Reviewer’s Choice Award di Romantic Times nel 1995 come Miglior Romanzo Contemporaneo Romantic Suspense ( Best Contemporary Romantic Suspense ); Romantic Times 4.5 G.
Ebbene, l'ho letto. Sono d'accordo con le recensioni positive o con quelle negative? Non saprei, sono in dubbio, forse potrei assumere una posizione mediana.
Non è una ca...ta e neppure una "bufala", ma solo se si considera il prezzo che ho pagato: € 2,99. Non 50,00!
Posso solo immaginare che Matesi, con il termine "bufala", volesse intendere che la storia non valeva tutto il clamore suscitato e il costo all'usato. Ma anche qui non so che posizione prendere. La Stuart ha scritto il libro nel 1995 ed è stato pubblicato da Mondolibri nel 1997 e, molto probabilmente se lo avessi letto allora, mi avrebbe entusiasmato. Il protagonista, bello e dannato, è di quelli che coinvolgono la mia immaginazione (e la libido). Ci sono molte seg... ehm... elucubrazioni mentali e poca azione, tranne nel finale. Richard è più chiuso di un'ostrica, non si capisce perché abbia costruito tutto quell'ambaradan per coinvolgere lei e lo avrei ucciso quando la accusa ingiustamente. Le scelte di Cassidy possono essere spiegate dalla forza del suo sentimento e, per fortuna, si rende conto di non essere lei la scema, ma lui che non le ha fornito le informazioni di base per agire nel modo giusto. 
Insomma, non so le motivazioni, ho trovato molte assurdità, però la storia mi ha avvinto, l'ho iniziato e non vedevo l'ora di continuare a leggerla. Sarà che lo stile mi è piaciuto, la traduzione, per quanto ne possa capire, è più che soddisfacente e non ho riscontrato mancanze nella trama o tagli strani. Il finale sembra troncato, ma se si pensa al personaggio di Richard (un sasso si esprime di più) la concisione dell'ultima frase è giustificata. Tanto, per l'intero libro, Cassidy se le è dovute spiegare da sola le cose...
Non sono d'accordo con Matesi, quando dice che la trama è troppo criptica e quindi fastidiosa. Io di criptico e fastidioso ho trovato solo Richard, la trama e il colpo di scena finale me lo ero immaginato e, forse, le motivazioni che spingono il protagonista a essere più misterioso della Stele di Rosetta le posso anche condividere. Forse...


Conclusioni: non so se questo libro meriti una Malalingua o una Bocca di Rosa, tutte e due o nessuna delle due, non so, forse è una Nota stridente. Visti i pareri discordi, consiglio di leggerlo, tenendo presente però il periodo in cui è stato scritto.
Boh?

Lullibi

Commenti

  1. Comincio! Uno dei pochissimi libri della Stuart che ho letto! E come gli altri non mi è piaciuto. Sarà che i romanzi troppo intimistici e senza action non li gradisco, che i belli e dannati vanno bene se non rasentano il ridicolo, che gli uomini devono esser tali, vendetta quanto ti pare ma gli innocenti non si toccano, non c'è onore. E anche se CATTIVO deve avere una sua etica. Lei è il classico prototipo della protagonista femminile anni 90! Non mi piaceva allora tanto meno adesso! Pertanto mi schiero dalla parte di Matesi! ;)

    RispondiElimina
  2. Mah.... Credo che mi schiererò anch'io dalla parte delle malelingue; il fatto è che non mi piacciono le storie in cui i protagonisti non si spiegano, odio i segreti che son segreti anche per chi legge, troppo spesso in questi romanzi c'è qualcuno che tace fino alla fine per un motivo che poi non ha tutta questa grande importanza. Il libro in questione lo trovo assurdo per più di un motivo.... E poi, può essere credibile uno scrittore disposto a sacrificare la figlia per un best- seller? Ma ce lo immaginiamo uno Stephen King, per dire uno a caso, che intervista Ted Bundy e gli presenta la figlia? Ecco, un po' di fantasia l'accento, la fantascienza no.

    RispondiElimina
  3. L'ho letto proprio adesso in occasione della ristampa e mi aspettavo molto, mooolto di più. L'ho trovato scritto bene, ma i personaggi sono decisamente costruiti e poco credibili. Tre stelline.

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…