A lezione dalla Prof Maria Masella



Meglio che lo sappiate, siamo in modalita' malinconica, e questo vuol dire,  che oltre ai vecchi romanzi letti e straletti, tiriamo fuori dal baule anche vecchi... progetti. Ricordate la nostra bella Romance Magazine? 



Ci siamo dette: perche' mettere nel dimenticatoio tutti quegli articoli che potrebbero esserci ancora utili? Li abbiamo ripescati e, con il consenso degli autori, ve li riproponeremo.
 Intanto, rimettiamo la Prof. Maria Masella in cattedra,i suoi suggerimenti sulla scrittura erano molto apprezzati dalle lettrici della RM.
Ben trovata Prof!
Direttamente dalla scrivania della Prof. Maria Masella
PRIMA DI COMINCIARE

Dialogo semiserio fra S, una scrittrice di romance, e L, una lettrice.

S: Domani comincio il nuovo romance: file nuovo in cartella nuova! (a parte: Mi sono portata avanti con i lavori di casa e spero che non nasca qualche noia imprevista. Perché devo proprio cominciare o non riuscirò a rispettare i tempi di consegna.)
L: Di cosa parla?
S: Lui e lei si incontrano e prima della fine scoprono di amarsi alla follia. (Come sempre, lo so, ma chissà perché arrivano idee splendide quando sono impegnata con una storia che non posso tralasciare e non quando le cerco? Oppure quando ci sono le bozze da rivedere, sempre in tempo zero, o il TPQ del romance che deve uscire e ho scritto mesi prima. E tutto si accavalla. Appunti? 1)li perdo, 2)altrimenti, rileggendoli, sembrano sempre sciapi e stinti. Comunque è problema superato: domani comincio! Ma l’esclamativo è un po’ meno entusiasta.)
L: Come sono i prot? (non molla)
S: Lui sarà un alpha (Spero che non esca uno dei soliti beta che popolano la mia vita…) Lei sarà bella, audace, intelligente. (Il troppo stroppia, vero. Ma un’eroina bruttina o anche sul normale a chi piacerebbe? Se chiedessi alle lettrici di alzare la mano, tutte la nasconderebbero. Sognare per sognare che si sogni in grande! Una tremebonda e stupida non piacerebbe a me e quindi AUDACE e INTELLIGENTE!)
S vorrebbe farsi un bel sonno per essere riposata riposatissima… Si tira su di colpo, non ha mai scritto una riga decente se non con l’acqua alla gola e iperstanca.
E’ L a salvarla dal troppo riposo: Non somiglierà troppo a uno che ho già letto?
S pensa un bel po’ prima di rispondere, perché è onesta e anche precisa… Due mesi fa la prot di una collega è stata rapita e lei pensava di far rapire la sua! Però le due storie si svolgono in epoche diverse… S tergiversa, borbotta.
L incalza: E’ una storia originale? (mai che ti diano qualche vera anticipazione!)
S: Sì. (con le dita incrociate)
L: Ma si capisce subito come va a finire? (speranzosa)
S: Sì. (Questo è il dilemma: trovare il dosaggio perfetto fra originale e prevedibile; i manuali di scrittura restano sul vago non come i libri di cucina!. Stessa faccenda per sesso, avventura, descrizioni… Che mi dicano chiaro: tot battute spazi inclusi di sesso, tot di avventura, tot di descrizioni. E provvedo: sono o non sono una professionista?
L: Bene. Quando cominci, fammi sapere come va. (dubbiosa sul fatto che S cominci davvero)
S: Alla prossima puntata! (e l’esclamativo è quasi un interrogativo) 

Maria Masella


11 commenti:

  1. Mamma mia, scrivere dev'essere più difficile di quanto pensassi! Per fortuna che non sono una scrittrice, ma quanto deve penare una che lo fa per mestiere e passione....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è quello che ci piace far credere, eheheh!
      Roberta Ciuffi

      Elimina
    2. Eeehhhh, tu scherzi, cara Roberta, ma ormai sappiamo quale lavoro c'è dietro io "prodotto finito!"
      E che pazienza sopportare i capricci delle case editrici.... Tanto di cappello a voi!

      Elimina
  2. Io ho qualcosa da dire sulle protagoniste femminili. Che siano carine, intriganti, va bene. Ma possibile che debbano essere tutte dei mostri d'abnegazione? Tutte intelligenti, ragionevoli, moralmente ineccepibili, generose e altruiste fino al sacrificio estremo, coraggiose e adamantine... Ma nessuna viene mai sfiorata da un pensiero cattivo, egoista o frivolo? Nessuna, quando viene loro offerto un bel vestito alla moda, ha un lampo di cupidigia nello sguardo? Devono tutte rispondere: 'Oh, no, non voglio essere di disturbo...' Oppure: 'Non è adatto a me...' Nessuna manda a quel paese un parente che la schiavizza per correre a camminare in riva al fiume, invece di chinare eroicamente la testa e darsi da fare, mentre la bella della casa mangia pasticcini sul divano? Fonderò un movimento di liberazione delle protagoniste dei romance storici! Che abbiano anche loro il diritto di fare qualche cavolata non motivata da buone intenzioni!
    Roberta Ciuffi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e cosi sia, Roberta!
      forza, un po' di novita' e coraggio ci vuole!

      Elimina
    2. Mi iscriverò senz'altro al movimento! Anche perché a me la protagonista un pò imperfetta, magari non bellissima, imbranatella e umanamente fornita di difetti, non dispiace affatto; la vorrei anche un pochino malignetta: una che, all'ennesima carognata, sappia fare qualche dispettuccio, qualche dolce vigliaccata....

      Elimina
    3. se lo inseriranno ci sarà anche un capitoletto sulle prot...
      maria masella
      nb: ovviamente concordo con roberta ciuffi! Che ne dite, donne, invece di "bruciamo i reggiseni" usiamo lo slogan "bruciamo le crinoline"?

      Elimina
  3. E anche le stecche di balena! :)
    Ok, scherzi a parte, per conto mio passo dire che a volte alcune autrici esagerano in un senso, ovvero tratteggiano protagoniste troppo gemebonde e timorose, oppure nell'altro, con eroine che maneggiano spade (quanto le odio!) o che inneggiano al voto alle donne anche nel XIII secolo! Penso che ci voglia misura in tutto, rapportando il racconto al contesto in cui si è scelto di ambientarlo. Perciò niente suffragette ante litteram, ma nemmeno pie suorine infilzate sottomesse fino al masochismo. Parere personale, ovviamente. ;)

    RispondiElimina
  4. e se bruciassimo tutto, non sarebbero piu' libri storici, ma di pura fantasia...pero' e la butto li,sarebbe carina una serie dedicata a donne che hanno fatto la storia, in chiave romanzesca naturalmente.

    RispondiElimina
  5. su alcuni numeri di RM c'erano i racconti di ornella albanese dedicati a donne famose! maria masella

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!